Calciomercato Milan – Si raffredda la pista Jovic: i motivi | News

ULTIME NOTIZIE MERCATO MILAN – Rossoneri sempre vigili su Luka Jovic, classe 1997, centravanti serbo del Real Madrid. Ora, però, sono un po’ più lontani …

ULTIME NOTIZIE CALCIOMERCATO MILAN – Per molte settimane il Milan ha seguito, molto da vicino, la situazione di Luka Jovic, classe 1997, centravanti serbo del Real Madrid che, molto probabilmente, lascerà la ‘Casa Blanca‘ in questa sessione di calciomercato.

Acquistato appena un anno fa dall’Eintracht Francoforte per 60 milioni di euro e chiuso, in Spagna, dal ‘totem madridista’ Karim Benzema nel ruolo di prima punta, Jovic punta a giocare con maggior continuità e vedrebbe nel Milan, dove gioca l’amico Ante Rebic, con cui ha fatto coppia in avanti in Germania nel suo biennio dorato a Francoforte (36 gol in 75 gare) un ideale approdo.

Problema: il Diavolo, che aveva iniziato a trattare Jovic dietro suggerimento di Ralf Rangnick e che con Fali Ramadani, agente tanto dell’attaccante quanto di Rebic e di un altro obiettivo di mercato rossonero, Nikola Milenkovic, aveva già più volte parlato, ora si è raffreddato molto sul calciatore. I motivi, principalmente, sono due, come evidenziato, per esempio, anche da ‘calciomercato.com‘.

Il primo è la sempre più probabile conferma di Zlatan Ibrahimovic per la stagione 2020-2021. Jovic sarebbe arrivato al Milan (presumibilmente con la formula del prestito oneroso, biennale, con obbligo di riscatto a 35-40 milioni di euro nell’estate 2022) per giocare titolare al posto di Ibra, il quale, con l’arrivo di Rangnick, non sarebbe stato confermato. Con la permanenza di Stefano Pioli in panchina, però, è cambiato lo scenario e lo svedese sarà protagonista in attacco.

Il secondo motivo, direttamente, si lega al primo. Il Milan, che continua a stimare molto Jovic e ad essere sempre vigile su di lui, non intenderebbe spendere grandi cifre in termini di cartellino e di ingaggio (il serbo a Madrid percepisce 5 milioni di euro netti a stagione, n.d.r.) per un centravanti che, poi, dovrebbe ritagliarsi in campo gli spazi concessi da Ibra e non certo da titolare inamovibile del Milan.

Motivo per cui, dunque, riteniamo che, alla fine Jovic opti per un trasferimento al Monaco, allenato, dal 2020-2021, dal croato Niko Kovač, suo ex tecnico all’Eintracht Francoforte e che il Milan, magari, vada su un profilo più giovane e meno costoso, come, per esempio, può essere quel Myron Boadu, classe 2001, attaccante olandese dell’AZ Alkmaar rappresentato, come Ibrahimovic, sempre dal procuratore Mino Raiola. CLICCA QUI PER LE ALTRE NEWS SUL CALCIOMERCATO DEL MILAN >>>

SEGUICI SUI SOCIAL: CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy