Calciomercato Milan – Gattuso scarica Meret: rossoneri vigili | News

MERCATO MILAN – Gennaro Gattuso preferisce David Ospina ad Alex Meret. Si avvicina, poi, il ritorno di Luigi Sepe dal Parma. Rossoneri sul giovane portiere

CALCIOMERCATO MILAN – Nei prossimi mesi il Milan dovrà trovare un accordo con Mino Raiola, agente di Gianluigi ‘Gigio’ Donnarumma, per il prolungamento di contratto del portiere rossonero. In caso di mancata intesa, vista la scadenza fissata al 30 giugno 2021, si andrebbe verso la cessione del numero 99 del Diavolo al miglior offerente.

Così fosse, logicamente, il Milan dovrebbe rituffarsi sul mercato alla ricerca di un nuovo portiere. Tra i tanti nomi che sono stati accostati nell’ultimo periodo al club di Via Aldo Rossi c’è anche quello di Alex Meret, classe 1997, estremo difensore del Napoli che, dall’arrivo di Gennaro Gattuso in panchina, ha perso il posto in favore del colombiano David Ospina, ex Arsenal.

Meret, sotto contratto con il club presieduto da Aurelio De Laurentiis fino al 30 giugno 2023, potrebbe davvero andare via in estate anche perché, a quanto pare, il Napoli si prepara a riaccogliere anche Luigi Sepe, portiere napoletano e tifoso del Napoli, dopo i due anni di prestito al Parma di Roberto D’Aversa. Lo ha rivelato Mario Giuffredi, il suo procuratore.

“Piace tantissimo al mister, la sua caratteristica più importante è proprio quella di saper palleggiare, con i piedi lui è fortissimo. Sepe però ha dimostrato di essere forte sotto tutti i punti di vista, ha fatto 2 anni importanti a Parma e ora può essere maturo per tornare e fare il titolare al Napoli”, ha detto Giuffredi su Sepe a ‘Radio Marte‘.

Per Meret, dunque, gli spazi in azzurro rischiano inevitabilmente di chiudersi. Il Milan resta vigile sul giovane portiere, così come l’Inter che comincia a preparare la strada al post-Samir Handanovic. CLICCA QUI PER LE ALTRE NEWS SUL CALCIOMERCATO DEL MILAN >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy