Milan-Torino, Pioli: “Leao ha capacità fisiche e tecniche. Meïté? Bel giocatore”

MILAN-TORINO ULTIME NEWS – Stefano Pioli, tecnico rossonero, ha parlato ai microfoni di ‘Sky’ al termine del match di ‘San Siro’. Ecco le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Intervista Pioli, dichiarazioni post partita Milan (Grafica)

Milan-Torino, le dichiarazioni di Pioli nel post-partita

 

MILAN-TORINO ULTIME NEWSStefano Pioli, tecnico rossonero, ha parlato ai microfoni di ‘Sky Sport‘ al termine del match di ‘San Siro‘, Milan-Torino. La gara era valida per la 17^ giornata della Serie A 2020-2021. Queste le dichiarazioni di Pioli.

Sulla gara odierna: “Devo dire la verità. Poche volte mi sono sentito così tranquillo nel pre-partita. Ero sicuro della risposta della squadra, avevo visto gli atteggiamenti giusti. Ottimo primo tempo, per intensità e qualità. Vinto una gara difficile contro una squadra che ci ha messo in difficoltà. Ma abbiamo dimostrato di sapere colpire nel momento giusto”

Sulla reazione dopo la sconfitta con la Juventus: “Non cancelliamo le vittorie e non cancelliamo le sconfitte. Abbiamo analizzato quella partita: abbiamo giocato una buona gara ma bisogna sapere che i particolari, in certe sfide dove i valori sono molto alti, fanno la differenza. Sappiamo che è un momento particolare, gli infortuni ci sono, mancano tanti giocatori. Ma ho ragazzi forti, giovani, volenterosi. Ho avuto le risposte che volevo. Proviamo ad essere ancora ambiziosi”.

Su Rafael Leão: “Le ultime tre partite di Rafa mi hanno completamente soddisfatto, per l’intensità con cui ha giocato tutta la gara. Sta crescendo tanto. Ha ancora tanti margini di miglioramento. Mi dispiace per l’ammonizione per una simulazione che non c’era e lo perderemo per la partita di Cagliari. Non ho mai visto un giallo dato così”.

Sulle ambizioni del Milan: “Credo che essere ambiziosi sia una cosa importante. Noi vogliamo vincere anche la prossima gara e quella di campionato a Cagliari. La classifica è cortissima, ci sono 6-7 squadre in Italia fortissime che lotteranno fino alla fine per lo Scudetto e per i piazzamenti in Champions. Noi siamo lì, dobbiamo lottare. Poi ad aprile vedremo la classifica e quello che saremo riusciti a fare”.

Sulla gestione delle assenze: “Il fatto di essere squadra ci ha dato dei vantaggi in queste situazioni, limitando i danni di qualche assenza importante. IO penso che con tutto quello che stiamo facendo, con Zlatan in campo, un paio di gare pareggiate le avremmo vinte. Ci dà di più in qualità e in presenza. Ci è mancato tanto, ma siamo cresciuti tutti. La squadra ha generosità, qualità, intensità. Dobbiamo pensare a mantenere questo livello e ad aumentarlo. Gli avversari sono competitivi e non dobbiamo abbassare il livello delle nostre prestazioni”.

Sulla squadra rossonera: “Io credo che tutti ci abbiamo messo del nostro per diventare un gruppo coeso con grande professionalità e motivazioni. Il club ci mette in condizioni di lavorare nel miglior modo possibile. Supporto continuo, a Milanello non ci manca niente. Vogliamo continuare a crescere”.

Sulle condizioni di Sandro Tonali: “Sandro ha preso un grande colpo, ha il polpaccio gonfio. Mi auguro non sia un infortunio grave, siamo in difficoltà in quel reparto. Ma Calabria è forte, sta crescendo anche dal punto di vista tecnico, sta diventando un giocatore completo. Dovesse servire lì si farebbe trovare pronto”.

Sul ruolo di Leão: “”Secondo me dipende da lui. Ha delle capacità tecniche e fisiche per far bene ovunque. Ha fatto fare gol nel derby e con la Roma partendo da sinistra, ha segnato da centrale. Può essere un’ottima seconda punta se giocheremo con due attaccanti. Gioca con intensità mentale”.

Su Soualiho Meïté: “”Non sono io che devo rispondere. Sappiamo che se ci sarà la possibilità di migliorare l’organico lo faremo. Non dovremo avere fretta di intervenire. Bel giocatore, sì, ma non lo conosco, non lo alleno …”. LE PAGELLE POST-PARTITA DEI CALCIATORI ROSSONERI >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy