Ibrahimovic, controreplica a EA Sports: “Non sono un membro di FIFPro”

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Ormai è guerra aperta tra Zlatan Ibrahimovic e EA Sports. Lo svedese contesta la presenza della sua immagine sul videogioco FIFA

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Zlatan Ibrahimovic AC Milan

Ibrahimovic e EA Sports, l’ennesimo capitolo della saga

 

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – È ormai guerra aperta tra Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, ed EA Sports, nota azienda che produce il videogioco di calcio ‘FIFA‘.

Ibrahimovic, nei giorni scorsi, ha contestato la EA Sports perché, a suo dire, l’azienda starebbe facendo soldi sfruttando la sua immagine in ‘FIFA 21‘. Tutto senza il permesso del centravanti svedese. Il quale, però, compare, tanto per il nome quanto per l’immagine, nella catena dei games ‘FIFA’ da almeno 15 anni.

Ieri la EA Sports ha risposto a Ibrahimovic spiegando, in sostanza, come avendo stipulato un accordo di partnership esclusiva con il Milan, sua attuale società d’appartenenza, i ‘diritti di somiglianza‘ rientrerebbero nel patto. E che, dunque, l’azienda può utilizzare liberamente volto e nome del bomber nativo di Malmö nei videogiochi di sua produzione.

Che ruolo ha in tutto questo FIFPro, altro organo tirato in ballo da Ibrahimovic con il medesimo motivo? FIFPro (del quale fanno parte i sindacati dei calciatori sia italiani che svedesi), collabora con una serie di licenziatari per negoziare accordi a vantaggio dei giocatori e dei loro sindacati. Quindi, dal punto di vista di EA Sports, tutto in regola nei confronti di Ibrahimovic.

Il centravanti svedese, però, non ha mandato giù la replica e ha prontamente controbattuto. Lo ha fatto in maniera singolare, con una ‘Instagram Story‘ che sintetizza, velocemente, l’accaduto.

 

Zlatan Ibrahimovic AC Milan EA Sports FIFPro

 

Ibrahimovic, infatti, ha ricondiviso un tweet del suo agente, Mino Raiola. Il procuratore, indirizzandosi ad EA Sports, ha sottolineato: “FIFPro ed il Milan non hanno i diritti individuali sui calciatori, come sono sicuro che sapete visto che ve l’ho detto tante volte“. Ibra ha rincarato la dose aggiungendo: “EA Sports, io non sono un membro di FIFPro“. La sensazione è che questa storia non possa far altro che concludersi in tribunaleCALCIOMERCATO MILAN, SVOLTA PER IL FUTURO DI OZAN KABAK: LE ULTIME >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy