Rangnick-Maldini, il silenzio dopo la lite: e Pioli aspetta

MILAN NEWS – Dopo la “lite” tra Ralf Rangnick e Paolo Maldini il silenzio della proprietà rossonera: mentre Pioli attende il suo futuro

di Alessio Roccio, @Roccio92
Maldini Rangnick calciomercato Milan

MILAN NEWS – Il giorno dopo la tempesta, a Milanello torna a splendere il sole. I giocatori si sono ritrovati martedì mattina per il consueto lavoro diviso per gruppi e sempre nel centro sportivo di Carnago si è aggiunto anche Zlatan Ibrahimovic dove trascorrerà il suo periodo di quarantena. Tuttavia, lo svedese non potrà allenarsi col resto dei compagni, nonostante il tampone fatto a Stoccolma privatamente sia risultato negativo.

Lo svedese attende. Esattamente come Stefano Pioli che più di ogni altro si trova a gestire una situazione di difficoltà mediatica, soprattutto qualora il campionato dovesse seriamente ricominciare. Sì, perché ormai è noto a tutti che il Milan e Ralf Rangnick siano in stretto contatto per programmare il futuro del club rossonero. Il tecnico emiliano sulle voci riguardanti il tedesco si è sempre detto poco preoccupato. In fondo, come lui stesso ha ammesso, un allenatore vive con la valigia in mano, sempre pronto a partire e ripartire.

Quello che più colpisce – riporta la Gazzetta questa mattina – è il silenzio dei vertici dirigenziali del Milan dopo l’uscita dei giorni scorso di Paolo Maldini. A differenza dell’intervista di Boban di fine febbraio, le parole del Dt rossonero erano state concordate col club, nel senso che l’ex numero 3 aveva avvisato via Aldo Rossi prima di rilasciare il suo pensiero forte e chiaro su Rangnick. Nessun attacco alla proprietà in maniera diretta, certo, e quindi nessun rischio di essere licenziato come accaduto all’amico Boban.

Un intervento quello di Maldini mirato solo e unicamente a proteggere Pioli e la squadra, lasciata sola in balia delle voci sul futuro che potrebbero, se non lo hanno già fatto, destabilizzare l’ambiente. Ed è forse per questo motivo che la società non si è opposta alle sue dichiarazioni e soprattutto non ha impedito che il Dt rossonero le rilasciasse. Intanto, in questo clima, è sempre più improbabile la permanenza di Ibra il prossimo anno>>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓


0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy