Milan, non solo stadio: tanti i progetti di Gazidis per il rilancio

MILAN NEWS – “La Gazzetta dello Sport” fa il punto sulle strategie del Milan e di Gazidis: non solo stadio, ma anche rilancio dal punto di vista sportivo

di Salvatore Cantone, @sa_cantone
Ivan Gazidis Milan

MILAN NEWSLa Gazzetta dello Sport, in edicola questa mattina, fa il punto sulle strategie del Milan per il futuro. L’obiettivo del fondo Elliott e di Ivan Gazidis non è solo la costruzione del nuovo stadio, ma anche il rilancio di un progetto sportivo per riportare il club ai fasti di un tempo. L’amministratore delegato ha scelto Rangnick, anche se il suo ingaggio è ancora in stand by. Non ci sono stati passi avanti sulla firma del contratto, ma è lui la prima scelta di Gazidis da parecchio tempo.

In ogni caso il progetto relativo al nuovo stadio sta andando avanti. Mancano ancora alcuni aspetti fondamentali, come ad esempio quello delle volumetrie, ma è ovvio che un investimento da un miliardo e 200 milioni, divisi fra Milan e Inter richieda del tempo. Dalla proprietà comunque filtra ottimismo, e questo dà ulteriore spinta a un progetto che prevede il recupero del fascino del Milan, che resiste ancora nonostante gli ultimi anni negativi. L’obiettivo è sempre quello di rilanciare il club sfruttando l’appeal del marchio. Il Milan ha, si calcola, 400 milioni di tifosi nel mondo. E’ uno degli aspetti principali che bisogna sfruttare.

Dal punto di vista sportivo c’è ancora una stagione da terminare, con Pioli che cercherà di chiudere nel migliore dei modi il campionato e tenterà di conquistare la Coppa Italia, però le linee guida sono state tracciate. Calciatori di prospettiva che possano accrescere il valore patrimoniale della società e ingaggi sostenibili. Molti giocatori sono passati sotto la lente di ingrandimento del capo scouting Geoffrey Moncada e di Hendrik Almstadt, il braccio destro di Gazidis. Tra questi Eduardo Quaresma, difensore classe 2002 dello Sporting Lisbona.

Altro aspetto importante su sui lavorare è la questione relativa al rinnovo dei contratti. Tutto può succedere con Zlatan Ibrahimovic e Gianluigi Donnarumma, così come per Alessio Romagnoli, in scadenza nel 2022. Manca ancora del tempo, ma il Milan vuole muoversi in anticipo per evitare di avere problemi con il suo capitano. Un punto fermo serve e Romagnoli non sembra aver alcuna intenzione di lasciare Milanello. INTANTO ESATTAMENTE 17 ANNI FA IL MILAN VINCEVA LA CHAMPIONS LEAGUE CONTRO LA JUVENTUS, CONTINUA A LEGGER E>>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy