Milan-Elliott, Bellinazzo: “Ecco perché è necessario fare chiarezza”

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – In un articolo pubblicato questa mattina su ‘Il Sole 24 Ore’, il giornalista Marco Bellinazzo ha provato a fare chiarezza sulla situazione societaria del Milan

di Alessio Roccio, @Roccio92
Paul Singer, boss del fondo Elliott e dell'AC Milan

Milan-Elliott, Bellinazzo fa chiarezza

 

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – In un articolo pubblicato questa mattina su ‘Il Sole 24 Ore’, il giornalista Marco Bellinazzo ha provato a fare chiarezza sulla situazione societaria del Milan, soprattutto in vista del servizio che il programma televisivo ‘Report’ manderà in onda lunedì sera.

Il giornalista campano inizia il suo articolo partendo proprio dall’appuntamento di lunedì sera su Rai 3, dove il programma televisivo cercherà di analizzare e chiarire alcuni dubbi circa le strutture offshore che gestiscono l’AC Milan. Dubbi e incertezze che partono dal 2017, quando Mister Li acquisì la società rossonera e su cui la Procura di Milano aveva aperto un’indagine oltre due anni fa senza però giungere a significativi risultati.

Li Yonghong, imprenditore cinese già alle prese con gravissimi problemi finanziari in patria, riuscì ad acquisire attraverso la Rossoneri Sport Investment Luxembourg il Milan di Silvio Berlusconi per 740 milioni, anche grazie all’aiuto economico (300 milioni) del fondo Elliott. La società americana a questo scopo fondò insieme ai finanzieri italiani, Gianluca D’Avanzo e Salvatore Cerchione, la Project Redblack, sempre con sede in Lussemburgo. In seguito a un inadempimento da 30 milioni del cinese Mister Li, nell’estate del 2018 la Project Redblack ha escusso il pegno sulle azioni ed ha assorbito il 100% della Rossoneri Lux che a sua volta ha in pancia il 99% delle azioni del Milan.

Attualmente, dunque, a capo della complicata struttura societaria del Milan c’è la Project Redblack, la quale ha come soci due veicoli della galassia Elliot (Genio Investments e King George) e Blue Skye, società di D’Avanzo e Cerchione, che, ricordiamo, siedono nel CdA del club di via Aldo Rossi. Alcuni dubbi che Report cercherà di risolvere sono i seguenti: com’è composto il capitale della Project Redblack? E in definitiva chi comanda nel Milan? 

Come riportato da Bellinazzo nel suo articolo, “il capitale Project è diviso in tre categorie di azioni (A, B e C) tutte con diritti di voto. Ora i due veicoli di Elliott (Genio Investments e King George) possiedono certamente le azioni A che corrispondono all’incirca al 49% del capitale. Blue Skye detiene invece le azioni B (4,26%). Non è, tuttavia, chiaro a chi appartengano le azioni C che rappresentano il restante 45,74% del capitale”.

In conclusione, il giornalista di Napoli afferma che: “E’ quasi normale supporre che dietro alle tante strutture societarie con collocazioni in realtà offshore possa già esserci la presenza di una ‘proprietà industriale’. Ma con le supposizioni si alimentano solo incertezze”. Dunque, attendiamo di conoscere i contenuti dell’inchiesta di Report e poi, eventualmente, vedere una risposta da parte del club rossonero.

Intanto Brambati è sicuro: “Arnault vuole il Milan. Ecco come faccio a saperlo”. VAI ALLA NOTIZIA>>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy