Milan, domani riapre Milanello: ieri le prime visite ai giocatori

MILAN NEWS – Ieri i primi calciatori della rosa rossonera sono stati sottoposti alle visite mediche anti coronavirus: da domani porte aperte a Milanello

di Alessio Roccio, @Roccio92
Milanello Sports Center Coronavirus fase 2 ripresa allenamenti Milan squadra protocollo figc

MILAN NEWS – Lavoro di riatletizzazione e di forza per recuperare smalto e resistenza nelle gambe dopo quasi due mesi di allenamenti in casa. E’ questo il menu principale che i preparatori atletici del Milan hanno studiato per la ripresa del lavoro individuale dei calciatori che dovrebbe avvenire tra domani pomeriggio e venerdì mattina.

Tutto dipende da quando i membri della squadra di Stefano Pioli ultimeranno i controlli medici che sono iniziati ieri presso la clinica “La Madonnina” di Milano. I calciatori sono stati divisi in ordine alfabetico e nella giornata di ieri hanno sostenuto le visite mediche anti coronavirus i fratelli Donnarumma, Theo Hernandez, Biglia, Bonaventura e Gabbia. Oggi e domani sono attesi gli altri gruppi, compreso di staff tecnico e Pioli. Se tutte le operazioni saranno espletate entro domani mattina, allora nel pomeriggio le porte di Milanello verranno riaperte dopo quasi 60 giorni di chiusura totale.

I giocatori anche per il lavoro individuale saranno suddivisi in 3 gruppi da 8-9 elementi ciascuno e lavoreranno su tre campi interni del quartier generale rossonero: il centrale, il ribassato e il rialzato. Una dislocazione strettamente in linea con il protocollo medico. Tra i calciatori c’è sicuramente fibrillazione e tanta voglia di tornare nel luogo che per loro è un punto di riferimento. Il personale del centro sportivo sarà ridotto ai minimi termini, in modo tale che non ci siano troppe persone tra giocatori, staff e dipendenti nelle stesse ore.

E’ possibile che nelle varie sedute di allenamento spunti anche il pallone, per esercizi di tecnica individuale oppure per situazioni statiche come i calci di punizione (con barriera sagomata). A Milano devono ancora rientrare Ibrahimovic e Kessie. Il primo è in costante contatto con Pioli e il suo mancato ritorno è da motivare con la mancata ufficialità della ripresa del campionato. Quando questa avverrà allora lo svedese farà ritorno, ma nell’attesa continuerà ad allenarsi con l’Hammarby. L’ivoriano, invece, avrebbe trovato il modo di lasciare la Costa d’Avorio – chiusa causa emergenza – per poter fare ritorno. Intanto, ieri Matteo Gabbia ha risposto alle domande dei tifosi: CONTINUA A LEGGERE>>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓


0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy