Milan, Biglia al rientro: e se Paquetà venisse spostato davanti?

Lucas Biglia ha oggi svolto lavoro col resto del gruppo e si appresta a rientrare: col ritorno dell’argentino Paquetà potrebbe venir spostato davanti

di Alessio Roccio, @Roccio92

La notizia più positiva di oggi in casa Milan arriva certamente da Milanello. Lucas Biglia si è allenato regolarmente col resto del gruppo e con ogni probabilità verrà quanto meno convocato per la gara di domenica sera contro il Cagliari. Difficile, infatti, ipotizzare un suo impiego già dal primo minuto contro i sardi, ma è possibile un suo ritorno in panchina.

Con il ritorno del regista argentino ci si domanda chi gli possa fare posto nell’11 titolare. Da escludere chi si poteva pensare maggiormente indicato fino a qualche mese fa, vale a dire Tiémoué Bakayoko. Il mediano francese, infatti, come detto più volte da Gattuso è indispensabile in questo momento per il Milan e la sua crescita è costante partita dopo partita.

Escluso l’ex Monaco e Chelsea, passiamo ad analizzare l’altro intoccabile di Rino: Franck Kessie. L’ivoriano sta vivendo una fase calante della stagione, e forse qualche gara di riposo gli farebbe anche bene. Ma pensare che Gattuso possa fare a meno dei suoi muscoli è altamente improbabile. Viene da pensare allora ad una ipotesi piuttosto suggestiva.

E se Lucas Paquetà venisse spostato nel tridente al posto di Calhanoglu? A quel punto la formazione sarebbe disegnata in questo modo. Tridente di centrocampo formato da Biglia in mezzo, con a fianco Bakayoko e Kessie. Davanti, con Piatek al centro, agirebbero Paquetà a sinistra e Suso a destra. A farne le spese sarebbe il turco numero 10, sempre più deludente nelle ultime uscite.

IL MILAN VUOLE RISCATTARE BAKAYOKO, MA CHIEDE UNO SCONTO AL CHELSEA: LE ULTIME>>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14173997 - 2 anni fa

    Aggiungo che non mi piace l’idea di Bakayoko – Kessie mezz’ali.
    Per quanto Bakayoko sia cresciuto, non è un mezz’ala di qualità e tanto meno lo è Kessie. Il centrocampo tornerebbe a non saper ne leggere, ne scrivere. Diverso un Biglia regista, Paqueta-Bakayoko, con il secondo leggermente più bloccato come Allan nel Napoli, che non molto si vedeva l’anno scorso nel cc a 3 in fase offensiva. E con il brasiliano che parte da dietro e porta palla negli spazi centrali.

    Attualmente, come detto, vedrei alla grande un:

    Rodriguez – Romagnoli Musacchio/Caldara – Conti
    Biglia – Bakayoko – Paqueta
    Laxalt – Piatek – Suso

    La sperimenterei molto volentieri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14173997 - 2 anni fa

    Mah onestamente non sono d’accordo. Al Milan degli ultimi anni son sempre mancate mezz’ali come Paqueta. Ovvero centrocampisti capaci di mordere le caviglie e poi ripartire con strappi a metà campo. Saltare il primo pressing e creare superiorità, mettere in difficoltà le difese sfondando per vie centrali. Ora ce l’abbiamo. Spostarlo nel tridente significherebbe adattarlo e ridurne l’efficacia e la funzionalità in fase di impostazione.
    Personalmente proverei più Laxalt come scheggia impazzita li alto a sinistra. È molto dinamico, rapido e giocherebbe sul sinistro, così da andare sul fondo e cercare al centro Piatek o gli inserimenti per l’appunto di Paqueta/Kessie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy