Coronavirus, Spadafora: “Ecco le nuove restrizioni del governo”

Coronavirus, Spadafora: “Ecco le nuove restrizioni del governo”

Vincenzo Spadafora, ministro dello Sport, attraverso la propria pagina ufficiale Facebook, ha annunciato nuove restrizioni per il coronavirus

di Salvatore Cantone, @sa_cantone
Emergenza Coronavirus - Covid-19

ULTIME NOTIZIEVincenzo Spadafora, ministro dello Sport, ha scritto un messaggio sulla propria pagina Facebook, annunciando nuove restrizioni da parte del governo per l’emergenza coronavirus.

“Da oggi saranno chiusi parchi, ville e giardini pubblici. Abbiamo capito ancora meglio che l’attività motoria è possibile farla soltanto vicino casa e individualmente. Non l’abbiamo vietata del tutto perché ci rendiamo conto che ci sono persone che hanno necessità di farla, anche perché soffrono di patologie particolari. Ma chi può evitarla, eviti. A tutti gli altri, l’appello è di evitare la corsetta mattutina o serale. Chi possibile, eviti. Sappiamo che la maggior parte degli italiani sta seguendo le norme, ma ci arrivano ancora segnalazioni di assembramenti. Dobbiamo capire che il rischio che stiamo correndo è molto alto e dobbiamo fare qualche sacrificio”.

Dobbiamo fermarci tutti, senza eccezioni: quando pensiamo al nostro sacrificio pensiamo anche a quello di chi non ce l’ha fatta – continua Spadafora -. Credo siano impresse le immagini delle bare portate fuori da Bergamo con i mezzi della difesa, credo che il nostro Paese non possa essere rappresentato dal cinismo di chi, a distanza di pochi chilometri dal dolore, rivendica un pur sacrosanto diritto. Cerchiamo di privarci di qualcosa anche per rispetto di tutti gli altri che sono costretti a lavorare. Cerchiamo di rispettarci tutti, evitando di uscire di casa per ripartire quanto prima, tutti insieme”. Intanto per Rafael Leao è un momento difficile. Ecco perchè, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy