Stadio, Milan e Inter dicono no alla ristrutturazione di San Siro: le ultime

Stadio, Milan e Inter dicono no alla ristrutturazione di San Siro: le ultime

Continuano a esserci problemi tra Milan, Inter e Comune per trovare un accordo sul progetto del nuovo stadio: i due club non vogliono ristrutturare San Siro

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

NEWS MILAN – Sempre più in salita il sogno di Milan e Inter di costruire un nuovo stadio in zona San Siro. Come sottolineato da Tuttosport, infatti, il Comune critica soprattutto la struttura finanziaria del progetto, che non convince minimamente Palazzo Marino nonostante le assicurazioni dei club.

A tal proposito ci sono state anche nella serata di ieri le parole del sindaco Giuseppe Sala: “Siamo proprietari di uno stadio che vale 100 milioni e ci rende 10 milioni l’anno.Milan e Inter propongono di buttare giù San Siro e costruire un nuovo impianto sul nostro terreno. Il Comune tornerebbe proprietario del nuovo stadio tra 99 anni e percepirebbe l’affitto dopo 33 anni, quindi si passerebbe da 100 milioni di valore e 10 di rendita a zero. Dicendo che così non va bene non mi sembra di essere un pazzo”.

La novità, però, è che in questi minuti è andato in scena proprio un incontro tra Milan, Inter e il Comune per cercare di risolvere una questione che diventa sempre più intricata. Secondo quanto riportato da calcioefinanza.it, i due club hanno detto un deciso no all’ipotesi di ristrutturare San Siro: le motivazioni verranno probabilmente spiegate in un comunicato che uscirà nelle prossime ore. Presenti all’incontro l’ad del Milan Ivan Gazidis, il presidente rossonero Paolo Scaroni e l’ad dell’Inter Alessandro Antonello, mentre per il Comune presente l’assessore all’urbanistica Pierfrancesco Maran. Intanto c’è stato un incontro tra Milan e Raiola per Donnarumma. Ecco cosa chiede il procuratore, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy