Taglio stipendi, Inter e Milan sulla scia della Juventus

Taglio stipendi di 90 milioni per la Juventus: sia l’Inter sia il Milan stanno considerando l’idea di seguire la strada della ‘Vecchia Signora’: i numeri

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Calcio - Taglio Stipendi Squadre post Coronavirus

NEWS MILAN – Nei giorni scorsi la Juventus ha comunicato che, qualora il campionato di Serie A e, quindi, gli allenamenti della Prima Squadra non dovessero riprendere facendo, di fatto, terminare anticipatamente la stagione 2019-2020, i giocatori e l’allenatore Maurizio Sarri sarebbero pronti a tagliarsi lo stipendio di marzo, aprile, maggio e giugno 2020.

Un taglio, nell’ordine del 30% degli emolumenti, che avrà un beneficio di 90 milioni di euro sulle casse del club di Corso Galileo Ferraris. Secondo quanto riferito dal ‘Quotidiano Sportivo‘ oggi in edicola, tanto l’Inter quanto il Milan sarebbero intenzionati a perseguire la medesima strada della ‘Vecchia Signora‘, quella della ‘spending review‘ per salvaguardare conti e bilancio.

L’Inter, ha scritto ‘QS‘, che dopo l’innesto in rosa, nello scorso mese di gennaio, del centrocampista danese Christian Eriksen, è arrivata a quota 114 milioni di euro lordi di ingaggi stagionali, non dovrebbe, così, riconoscerne 38 ai calciatori mentre il Milan, che conta un monte stipendi annuo, al lordo, di 92,6 milioni di euro, con un provvedimento simile ne risparmierebbe 30,6.

I più pagati delle rose di nerazzurri e rossoneri, quindi, avrebbero un impatto fortemente limitato sul bilancio in corso: Romelu Lukaku, più pagato dell’Inter, avrebbe un impatto di 3,8 milioni di euro lordi di stipendio mentre Gianluigi ‘Gigio’ Donnarumma, più pagato del Milan, impatterebbe a bilancio per 3,5 milioni lordi di ingaggio. QUESTE LE ULTIME SUL FUTURO DI GIGIO >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy