Pioli ha messo il turbo al Milan con Theo Hernández e Rafael Leao

Stefano Pioli, tecnico rossonero, ha ‘liberato i cavalli’ della squadra rossonera: con Theo Hernández e Rafael Leao, ora l’allenatore sa che strada prendere

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILAN – ‘La Gazzetta dello Sport‘ in edicola questa mattina è tornata a parlare del pareggio, 2-2, di ‘San Siro‘ in Milan-Lecce: la classifica del Milan ancora piange, con la zona Champions League distante già 6 punti, ma, perlomeno, la prestazione vista domenica scorsa contro i salentini lascia ben sperare per il futuro della truppa da poco affidata alle cure di Stefano Pioli.

In casa rossonera, ha evidenziato la ‘rosea‘, sembra essere tornata l’armonia e c’è anche un po’ di sano ottimismo per le prove di Theo Hernández e Rafael Leao, due fiori all’occhiello della campagna acquisti estiva del Diavolo, i quali, finalmente, si stanno imponendo nella formazione titolare del Milan. Entrambi sono apparsi scatenati contro la squadra allenata da Fabio Liverani.

Mentre Rafael Leao, sciupone sotto rete, ha comunque sparigliato le carte degli avversari per almeno un tempo, Theo Hernández, grazie anche alla presenza ‘equilibratrice’ di Hakan Calhanoglu in campo e di Franck Kessié sul suo versante del terreno di gioco, quello sinistro, ha imperversato di continuo negli spazi.

Il Milan non è riuscito a conquistare il successo poiché, avendo corso tanto e bene, ma non essendovi abituato, è calato alla distanza e ha retto finché la poca lucidità non ha consentito al Lecce di approfittare delle disattenzioni in fase difensiva di Alessio Romagnoli e compagni. Nonostante il pareggio, però, dirigenza e tifosi sono usciti da ‘San Siro‘ abbastanza soddisfatti perché hanno gradito lo spettacolo di vitalità offerto per larghi tratti del match.

Theo Hernández e Rafael Leao, sicuramente, due tra le note più positive del Milan: Pioli ha studiato uno schieramento fin qui anomalo in casa rossonera proprio per sprigionare tutta la potenza del laterale mancino francese e liberarlo da compiti difensivi nelle folate palla al piede; il portoghese, tenuto in panchina da Marco Giampaolo a Genova, ha mostrato di possedere colpi davvero interessanti. Sarà obbligatorio, però, migliorare in fase realizzativa e sotto porta.

A questo punto, liberati i cavalli nel motore del Milan, a Pioli non resta che inserire anche Ismael Bennacer, che potrebbe rappresentare il cervello della sua squadra. Preso per fare il playmaker, si è visto nuovamente scavalcato nelle gerarchie dall’argentino Lucas Biglia. Potrebbe, pertanto, agire anche da mezzala nel nuovo Milan di Pioli. Chi è in difficoltà, invece, è Jesús Suso: sullo spagnolo, Pioli medita una decisione clamorosa … continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter/// Instagram/// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy