Montella: “Io avanti con questo progetto”

Montella: “Io avanti con questo progetto”

Il tecnico rossonero Vincenzo Montella convinto: “Contro il Sassuolo vinceremo”. Ma la tradizione in casa emiliana è fortemente negativa …

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Giornata di conferenza stampa, ieri mattina, a Milanello, per il tecnico del Milan, Vincenzo Montella, alla vigilia di una delle partite forse più importanti della sua carriera. Questa sera, infatti, alle ore 20:45 al ‘Mapei Stadium’ di Reggio Emilia contro il Sassuolo, l’allenatore campano si gioca, con tutta probabilità, il suo futuro sulla panchina rossonera. Una gara, quella in trasferta contro la compagine neroverde, che già di per sé evoca brutti ricordi in casa Milan: fu, infatti, come ricordato dall’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’, un rocambolesco 4-3 del 12 gennaio 2014 a far licenziare Massimiliano Allegri; un anno e mezzo dopo, 17 maggio 2015, il 3-2 del Sassuolo sui rossoneri stabilì, di fatto, la mancata riconferma di Filippo Inzaghi e, l’anno seguente, 6 marzo 2016, il 2-0 dei neroverdi sulla squadra di Siniša Mihajlović sancì l’inizio della fine per il tecnico serbo.

Tre sconfitte su quattro per il Milan in casa del Sassuolo, con l’unica gioia arrivata nello scorso campionato, 26 febbraio 2017, 1-0 firmato dal rigore (irregolare) di Carlos Bacca. Il risultato di questa sera sarà decisivo per le sorti di Montella, la cui esperienza milanista appare realmente appesa ad un filo. L’allenatore, però, non si è scomposto e, in conferenza stampa, ha (ri)lanciato la sua sfida: “La strada da percorrere è questa, vedo un gruppo pronto e desideroso. Per quanto mi riguarda, la società ha difeso il mio operato a più riprese, lo ha fatto anche Massimiliano Mirabelli ad Atene – si può leggere sulle colonne della ‘rosea’ -. Io sono l’allenatore del Milan, ho un altro anno di contratto, mi sento sempre più coinvolto in questo progetto e voglio portarlo avanti. Se il 17 novembre sarò seduto su questa poltrona alla vigilia di Napoli-Milan? Fino a prova contraria sì, ci sarò io. Anche perché contro il Sassuolo vinceremo, così come abbiamo vinto contro il Chievo”.

Montella si è detto “concentrato e battagliero”, seppur consapevole del “momento complicato” che sta vivendo la sua squadra. “Nell’ultimo periodo abbiamo fatto delle buonissime prestazioni, sebbene siano mancati i risultati. Un pareggio ad Atene lo ritengo un ottimo risultato – ha proseguito -, ma dobbiamo tornare a vincere. Abbiamo bisogno di prestazioni e vittorie per risalire. Intendo vincere per il Milan, non per l’allenatore. L’attacco che non segna? Tiriamo tanto e segniamo poco. Questo è il fattore che mi preoccupa di più e fotografa appieno la situazione attuale. Per risolvere questo problema bisogna giocare in modo spensierato e sereno. Io? Sono sereno e ho in testa solo il Milan – la chiosa di Montella -. Lo so che là davanti corrono forte, e noi abbiamo un rendimento al di sotto delle attese, ma le cose si possono invertire. Anzi, è probabile: le prime quattro non possono sempre andare a questo ritmo e se noi riusciamo a riprenderci si può risalire anche in ottica quarto posto”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Milan, Montella ha fiducia: ma contro il Sassuolo l’unico risultato è la vittoria

Ravelli a ‘Milan TV’: “Montella fiducioso. Ma ora deve fare punti”

Milan e quella crescita mentale che tarda ad arrivare. Montella ora si gioca tutto

Sassuolo-Milan, la probabile formazione rossonera

Sassuolo-Milan, i convocati di Vincenzo Montella

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy