Milan, lunedì la sentenza UEFA: in arrivo la stangata?

Lunedì 25 giugno la UEFA emetterà il verdetto sulla violazione dei parametri del Fair Play Finanziario da parte del Milan: ecco cosa attende i rossoneri

di Daniele Triolo, @danieletriolo

‘La Gazzetta dello Sport’ e ‘Tuttosport’ in edicola questa mattina hanno ricordato come, nel turbinio di notizie ed emozioni in merito ad una possibile, nuova cessione del club, il Milan sia sempre in attesa della sentenza della Camera giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario dei Club di Calcio UEFA (CFCB) in merito le sanzioni da applicare alla società di Via Aldo Rossi per il mancato rispetto dei parametri del Fair Play Finanziario nel triennio precedente, 2014-2017.

La notifica non dovrebbe essere positiva: il Milan, verosimilmente, sarà estromesso dalla prossima edizione dell’Europa League, conquistata sul campo da Leonardo Bonucci e compagni, ma non è tutto. Si andrebbe, infatti, anche verso una multa molto pesante, nell’ordine di 30 milioni di euro. La Corte dei Giudici che emetterà il verdetto nella giornata di lunedì 25 giugno avrebbe ricevuto, secondo la ‘rosea’, gli aggiornamenti dagli Stati Uniti sul possibile passaggio di proprietà del Milan, ma la notizia non avrebbe modificato gli orientamenti della commissione.

Esclusione dalle coppe, multa e, probabilmente, una prova di futura riammissione, dunque, sembrerebbero attendere il Diavolo dopo questo weekend. Se così fosse, il Milan tornerebbe in Svizzera, presentandosi, però, non più a Nyon, bensì a Losanna, dove ha sede il Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS). Qui i rossoneri potranno ricorrere in appello: la decisione del TAS, ha ricordato il quotidiano torinese, sarà inappellabile e potrà ribaltare o confermare quella della CFCB. Ma quando si saprà, quindi, definitivamente, cosa succederà al Milan?

Considerati i tempi tra arrivo della sentenza di Nyon, preparazione della nuova interrogazione a Losanna ed istruzione della pratica dovrebbero passare dieci giorni circa per il ricorso e qualcun altro per il verdetto del TAS. Si potrebbe arrivare, dunque, intorno al 10 luglio, giorno più giorno meno: un’indicazione temporale che coinciderebbe con le novità relative al possibile ingresso di un socio di minoranza o ad un cambio di proprietà, nonché alla restituzione o meno dei 32 milioni di euro ad Elliott da parte di Yonghong Li.

La situazione, comunque, è in continua evoluzione: staremo a vedere cosa succederà, nel frattempo, al Milan, durante questo fine settimana: segui il nostro live per essere informato minuto per minuto su eventuali cambi al comando del club rossonero!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy