Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

NEWS MILAN

Milan, l’ammucchiata in vetta alla Serie A non fa paura: il motivo

Stefano Pioli (allenatore AC Milan) condottiero dei rossoneri | Milan News (Getty Images)

Il Milan di Stefano Pioli è primo in classifica davanti a Inter e Napoli. Cresce la rabbia per i punti persi per colpa degli arbitraggi

Daniele Triolo

'Tuttosport' oggi in edicola ha parlato del Milan di Stefano Pioli. Spiegando come, dalle parti di 'Casa Milan', ci sia rabbia per il risultato di Torino-Inter di ieri sera. L'1-1, è vero, consente al Diavolo di essere primo in classifica in Serie A, da solo, senza dover aspettare il recupero della gara dei nerazzurri al 'Dall'Ara' di Bologna.

È altrettanto vero, però, come nella gara di Torino i granata siano stati derubati di un rigore solare. Il Milan avrebbe avuto un ulteriore punto di vantaggio sui rivali cittadini nella corsa per lo Scudetto. Come se il Diavolo non si sentisse già fortemente penalizzato dagli arbitraggi. Le partite contro Napoli, all'andata, e Spezia, al ritorno, tanto per citarne un paio.

I pareggi di Roma ed Atalanta, nel pomeriggio, avevano già provveduto, di fatto, a blindare il quarto posto. Ovvero la qualificazione in Champions League, obiettivo minimo della stagione rossonera. I 15 punti di vantaggio sugli orobici (che hanno una gara in meno rispetto al Diavolo) e sui giallorossi sono un buon bottino da gestire nel rush finale di campionato.

L'Atalanta, tra l'altro, resta l'unica squadra di vertice a dover giocare ancora contro il Milan in uno scontro diretto da qui a fine maggio. Ma i rossoneri, sotto questo aspetto, possono considerarsi tranquilli. In caso di arrivo a pari punti in classifica, infatti, come sappiamo valgono gli scontri diretti per stabilire chi sta avanti e chi sta indietro.

 Stefano Pioli (allenatore AC Milan) qui durante Milan-Empoli 1-0 (Serie A 2021-2022) | News (Getty Images)

Il Milan è in vantaggio con l'Inter (1-1 e 2-1) ed in parità con il Napoli (0-1 e 1-0, ma con una marea di rimpianti, come detto, per la partita di andata), visto l'annullamento del gol di Franck Kessié al 90' per un fuorigioco di Olivier Giroud tutto da spiegare).

Nel caso di arrivo a pari punti tra Milan e Napoli, quindi, deciderà la differenza reti generale. Che, al momento, premia i partenopei (+30) rispetto ai rossoneri (+26). Va però tenuta in considerazione anche la Juventus, tornata pienamente in lotta per lo Scudetto dopo i 15 risultati utili consecutivi dei bianconeri di Massimiliano Allegri.

Il Diavolo è in vantaggio anche con la Juventus (1-1 in trasferta, 0-0 a Milano). Ecco perché i rossoneri, al di là del primato attuale, non hanno paura di un'eventuale ammucchiata in vetta alla classifica di Serie A alla fine della stagione. A pari punti, se la potrebbero passare bene nella grande maggioranza dei casi.

Pesano davvero, a questo punto, i 12 punti persi contro Sassuolo (1-3 in casa), Udinese (1-1 andata e ritorno), Spezia (1-2 a 'San Siro') e Salernitana (2-2 allo stadio 'Arechi'). La squadra di Pioli avrebbe già potuto chiudere il discorso Scudetto con largo anticipo. Milan, duello di mercato con l'Inter per il baby talento: le ultime news >>>

Le ultime notizie sul Milan anche su Google News: CLICCA QUI E SEGUICI

tutte le notizie di