Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

NAZIONALE

Italia, Sconcerti: “Dopo l’Europeo siamo tornati al calcio facile”

L'intervento di Mario Sconcerti sull'Italia sulle colonne del 'Corriere della Sera' | News (Getty Images)

Mario Sconcerti, giornalista sportivo, ha parlato dell'Italia di Roberto Mancini alla luce della mancata qualificazione diretta ai Mondiali

Daniele Triolo

Il giornalista sportivo Mario Sconcerti, sulle colonne del 'Corriere della Sera' oggi in edicola, ha parlato dell'Italia di Roberto Mancini. Gli Azzurri, infatti, con il pareggio (0-0) in Irlanda del Nord hanno fallito la qualificazione diretta ai Mondiali di Qatar 2022.

"Tutto quello che abbiamo fatto, il titolo europeo, il record di partite senza sconfitte, non è bastato per cambiare questa triste seconda metà dell’anno - ha scritto Sconcerti sull'Italia -. Siamo scomparsi, improvvisamente normalizzati. Mancini quattro anni fa cambiò la mentalità del gioco, lo rese semplice e di qualità, un piccolo miracolo che sembrava portarci avanti di anni sugli altri. Non era vero. Quel gioco non c’è più, come mangiato dalla storia".

"Siamo tornati noiosi e impotenti - ha proseguito Sconcerti all'indomani della partita dell'Italia -. Mancano non solo i centravanti, manca anche chi costruisce e inventa, manca un forte carattere di fondo. Siamo tornati al lancio lungo, ai cross, al vecchio possesso palla che favorisce la lentezza. Non è chiaro perché tutto sia cambiato così in fretta. Dopo l’Europeo si è tornati al calcio facile, senza gioco di prima, con palloni sempre all’indietro. Non c’è stata rabbia, quella non è nei colori di Mancini".

Sconcerti ha quindi incalzato. "È diventata un’Italia isolata, che non tira più in porta, senza diritti. La Svizzera merita il suo primato, e noi meritiamo i playoff che saranno adesso tra squadre normali come noi, partite solo da vincere, cosa che da mesi non sappiamo più fare. Il virus ci ha costretti a stagioni eccezionali che hanno sempre rimandato una riflessione complessiva. Ma non abbiamo più giocatori, siamo sommersi da stranieri che hanno il vantaggio di costare meno".

"Dobbiamo ricominciare a parlare in termini di crisi. Abbiamo vissuto un bel momento, ma la scuola continua e non siamo più preparati. Non credo che Mancini abbia colpe, ha sbagliato scelte negli ultimi mesi, non ha più saputo dare diversità alla squadra, ma aveva da tutti già preso il meglio".

"Non è lì il problema - ha concluso Sconcerti sugli Azzurri -. Ora è tempo di capire cosa possiamo fare per cambiarci. E non sarà facile perché il calcio è di tutti e non potremo cambiare le regole da soli. Ma la nuova generazione è diventata di colpo vecchia. E oltre non c’è più niente". Le top news di oggi: Milan sul nuovo Pedri, il Real Madrid punta Brahim Diaz

tutte le notizie di