Panchina Milan – Rangnick, tutto fatto oppure no? La grande tela

Il Milan tra la svolta necessaria e gli equilibri da gestire. Intanto, ora, in Germania frenano sull’arrivo di Ralf Rangnick in rossonero che sembrava fatto

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Ralf Rangnick

CALCIOMERCATO MILAN – Il ‘Corriere dello Sport‘ oggi in edicola ha fatto il punto della situazione su Ralf Rangnick, responsabile dell’area sportiva del gruppo ‘Red Bull‘, che, nei giorni scorsi, sembrava essere ad un passo dal Milan. Poi, però, ieri ‘Sky Sport Deutschland‘ ha sottolineato come Rangnick sarebbe orientato a dire di no al club di Via Aldo Rossi.

Motivazioni? Un po’ perché nutrirebbe dubbi sull’effettiva carta bianca che gli sarebbe concessa al Milan (dove, in teoria, dovrebbe assumere il ruolo di allenatore e di direttore sportivo); un po’ per i dubbi sulle concrete possibilità di mettere in piedi il progetto desiderato, viste le limitazioni imposte dai paletti del Fair Play Finanziario UEFA.

Se il corteggiamento del Milan a Rangnick andasse a finire con un nulla di fatto, secondo il ‘CorSport‘, sarebbe davvero sorprendente, visto che i contatti tra il manager tedesco e l’amministrazione delegato del Diavolo, il sudafricano Ivan Gazidis, si sono spinti molto oltre. Qualcuno, addirittura, sostiene come vi sia già qualcosa di scritto tra le parti, con tanto di penali salate da pagare nel caso fosse vanificato l’accordo di base.

Dal Milan, e dal fondo Elliott Management Corporation, negano vi siano decisioni già prese e, di conseguenza, che sarà Rangnick il prossimo allenatore dei rossoneri. Stefano Pioli, dunque, manterrebbe intatte le sue chance di conservare il posto in panchina per la stagione 2020-2021. È possibile, però, che questo tipo di comunicazione sia finalizzato a non creare ulteriori turbative alla squadra, che ha già visto andare via, causa licenziamento, l’ex CFO Zvonimir Boban.

Forse è per questo che lo stesso Gazidis ha rassicurato Pioli, nei giorni scorsi, ed è per lo stesso motivo, che, probabilmente, Rangnick ha smentito di avere accordi già scritti con il Diavolo. L’indiscrezione sui dubbi di Rangnick, ha concluso il quotidiano romano, potrebbe aver avuto lo scopo di accelerare un processo già avviato, mettendo ‘fretta’ al Milan per capire se mettersi al tavolo per un progetto, almeno triennale, sul quale cominciare a lavorare. Evidentemente, a giudizio di Rangnick, è arrivato il momento per dar seguito alle promesse …

Il Milan, intanto, potrebbe addirittura concludere (quando sarà …) questa stagione con i playoff Scudetto? Come funzionerebbero? Leggi qui per scoprirlo!!!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy