Paquetà, è il momento più grigio: obiettivo rinascita

Non si è mai trovato con Giampaolo e non ha espresso tutto il proprio potenziale quest’anno. Per Paquetà è il momento più difficile. Cura Pioli per lui.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

ULTIME MILAN – È probabilmente il momento più difficile della carriera di Paquetà. Il brasiliano ha iniziato nel Flamengo da giovane ed ha subito messo in mostra le proprie qualità nel campionato brasiliano. Unanimemente riconosciuto come potenziale fenomeno, è arrivato al Milan nel mercato di gennaio scorso. Impatto devastante e insieme a Krzysztof Piatek ha portato i rossoneri a un passo dalla Champions League. Poi, però, infortuni e squalifiche lo hanno rallentato in maniera decisiva.

Molti accusavano Gennaro Gattuso di farlo giocare troppo lontano dalla porta, come mezzala, ma anche con l’arrivo di Marco Giampaolo il brasiliano non ha cambiato ruolo, così come non lo aveva fatto neanche in estate con il Brasile. Il problema è che con il Maestro non si è mai “preso”. Giampaolo chiedeva addirittura a Paquetà di essere meno brasiliano, quasi soffocando la qualità del numero 39. I due hanno avuto anche una discussione e dopodichè Giampaolo lo ha spesso relegato in panchina.

Insomma, un inizio di stagione davvero complicato. Paquetà, per la prima volta, è messo realmente in discussione. Anche con il Brasile ieri ha giocato solo due minuti. L’arrivo di Stefano Pioli può essere d’aiuto. Il tecnico sembra intenzionato a puntare moltissimo su Paquetà, che dovrebbe essere centrale nel progetto. Sarà una grande occasione per il brasiliano di esplodere definitivamente. Fare quel salto di qualità che tutti aspettano e che lo trasformi da buon giocatore con tanto potenziale a grande campione. È l’ennesima missione per Pioli. Ecco cosa ha detto di lui nella conferenza di presentazione… Continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy