Milan, Pioli: nessun dogma e formazione scelta partita per partita

Pragmatismo e nessun dogma: queste sono le caratteristiche principali del lavoro che Stefano Pioli sta utilizzando per risollevare il Milan

di Renato Panno, @PannoRenato

ULTIME NEWS MILAN – Un momento complicato quello che il Milan sta affrontando nonostante alcune buone risposte che la squadra ha offerto in occasione del paraggio casalingo per 2-2 contro il Lecce. Le prime sette partite sotto la gestione di Marco Giampaolo sono state carenti da tutti i punti di vista e con una vittoria il morale si sarebbe già alzato di molto, permettendo così al Milan di lavorare con più serenità. Non c’è tempo però di vedere il bicchiere mezzo vuoto ed è obbligatorio ripartire dalle cose positive viste soprattutto nel primo tempo della prima partita della gestione Stefano Pioli.

Hakan Calhanoglu ha offerto una delle migliori prestazioni da quando veste la maglia del Milan, Theo Hernandez ha confermato di essere un giocatore forte e di sicuro affidamento, Lucas Paquetà ha fatto vedere che può far bene anche tra le linee e Krzysztof Piatek e ritornato al gol su azione. Molte le note positive dunque per Pioli che ha modificato molto l’assetto visto nelle partite precedenti. Detto già di Paquetà, anche Calhanoglu è ritornato ad occupare una posizione avanzata a lui più congeniale. La costruzione a tre da dietro ha permesso a Theo di preoccuparsi di meno della fase difensiva e di proiettarsi costantemente in avanti, risultando sempre pericoloso. Situazioni di gioco che hanno soddisfatto molto Pioli, ma chi lo ha detto che questi saranno concetti sempre uguali e che non cambieranno?

L’allenatore del Milan, in conferenza stampa, ha offerto due spunti interessanti per quanto riguarda le possibili scelte future. Il rientro di Mattia Caldara potrebbe anche offrire il passaggio stabile alla difesa a 3, mentre Ismael Bennacer potrebbe essere collocato in mezzo al campo insieme a Lucas Biglia. Niente viene escluso da Pioli, che ragiona partita per partita e non vuole sentirsi ingabbiato da nessun dogma: il vestito del Milan verrà scelto in base all’avversario e in base allo stato di salute dei giocatori. Pioli studia un Milan camaleontico, tutto è in continua evoluzione. Spazio alla fantasia, dunque, non ci si baserà su nessun dogma. Intanto ecco la probabile formazione in vista di Roma-Milan, continua a leggere >>> 

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy