Milan post-lockdown: l’intesa Leao-Rebic e l’imprescindibilità di Kessie

MILAN NEWS – Come riprenderà il Milan questo finale di stagione tra Serie A e Coppa Italia. Un’analisi su tre giocatori potenzialmente chiave dei rossoneri

di Giacomo Giuffrida, @GG_Giuffrida
Leao Rebic Milan

NEWS MILAN – Il calcio in Italia sta per ricominciare. C’è grande attesa, dopo il lungo stop causa coronavirus. Si ripartirà dalla Coppa Italia, con la semifinale di ritorno contro la Juventus che si giocherà tra il 12 e il 13 giugno. Poi si passerà alla ripresa del campionato. Ma quale Milan bisognerà aspettarsi?

Un Milan senza Zlatan Ibrahimovic anzitutto, senza il faro che aveva illuminato i primi mesi del 2020 e aveva ridato verve e convinzione ad una squadra fortemente ‘depressa’. L’infortunio dello svedese complica e non poco le cose a Stefano Pioli. Ma responsabilizza anche gli altri membri della rosa, che si giocano le chance future. Il cambio di allenatore e dirigenza per la prossima stagione potrebbe portare all’addio molti calciatori, soprattutto nel caso in questi mesi restanti di stagione non giocassero all’altezza.

Parliamo anzitutto dell’attacco, con Rafael Leao e Ante Rebic che dovranno sostenersi a vicenda per sostituire Ibrahimovic. Da segnalare l’analisi del collega Stefano Borghi, che dal proprio profilo Youtube si è espresso così sul portoghese: “Leao è una punta particolare. Non è un attaccante esterno, non è trequartastita ma è un numero 9. In questo momento Leao è il progetto sportivo più importante del Milan, perchè è giovane e ha dimostrato di essere un talento importante”

Sulla posizione di Leao con Rebic: “Partendo dal ruolo che ha fatto fin qui Rebic, ovvero esterno che veniva verso l’interno, penso che con Leao possa esserci un’intesa e sono due che si possono integrare. Questo ovviamente dipenderà dalla condizione fisica e mentale, variabile che non sappiamo calcolare”.

Senza dimenticare che insieme a Leao e Rebic, potrebbe giocare anche Samuel Castillejo, per formare un tridente tornando a utilizzare il ‘vecchio’ 4-3-3. Con l’arretramento di Hakan Calhanoglu a interno sinistro di centrocampo, Kessie sul lato opposto e Bennacer al centro.

Relativamente a Franck Kessie, Borghi si sofferma sulla sua imprescindibilità: “Figura discussa, incostante, presenta pregi e difetti, ma in questo Milan è un giocatore irrinunciabile. È quello che ha chili e centimetri… è l’unico ad avere un certo tipo di caratteristiche, indispensabili per una squadra che ha bisogno di struttura. Poi vedremo cosa succederà sul mercato, è un giocatore potenzialmente in uscita”.

Intanto, in attesa di rivedere il Milan in campo per la prima partita post-lockdown, facciamo chiarezza sul calendario per la ripartenza del calcio in Italia post-Lockdown >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy