Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

INTERVISTE

Toni: “Scudetto, il Milan ha una chance in più. Anche grazie a Pioli”

Intervista Luca Toni su Milan e Stefano Pioli | AC Milan News (Getty Images)

Luca Toni, ex centravanti della Nazionale Italiana, ha parlato anche del Milan di Stefano Pioli in un'intervista al 'Corriere della Sera'

Daniele Triolo

Luca Toni, ex centravanti di tante squadre in Serie A, nonché del Bayern Monaco in Bundesliga e della Nazionale Italiana, ha rilasciato un'intervista in esclusiva ai microfoni del 'Corriere della Sera' oggi in edicola. Queste le sue dichiarazioni più interessanti.

Toni sulle ambizioni di Scudetto del Milan: "In questi mesi ha avuto una crescita esponenziale. Il campionato finora è abbastanza livellato, ma credo che il Milan possa avere una chance in più. Stefano Pioli è stato abile nel far crescere un gruppo di giocatori forti, a motivarli. Ha creato un clima di entusiasmo che diventa fondamentale per arrivare fino in fondo e tagliare il traguardo. È una squadra che esprime l’affiatamento che ha creato l’allenatore. C’è poi il discorso Champions che può rappresentare una variabile, il doppio impegno toglie tante energie. Ha una rosa lunga, ma forse non abbastanza. Questo aspetto vale però per tutte le squadre italiane impegnate nelle coppe".

Toni sulle 'sette sorelle' del campionato di Serie A: "Sì, le squadre più o meno sono sempre quelle dei tempi in cui giocavo, ma i valori adesso si equivalgono. La pandemia e la crisi economica hanno decretato la fuga dall’Italia dei top player e chi dovrebbe venirci considera il nostro campionato una seconda scelta".

Toni su Victor Osimhen del Napoli: "Mi ricorda Andriy Shevchenko per la capacità di svariare su tutto il fronte d’attacco e per la velocità. Osimhen e Tammy Abraham della Roma, al momento, sono gli unici attaccanti in serie A che possono garantire 25 gol a stagione".

Toni sugli episodi di razzismo che hanno coinvolto Kalidou Koulibaly e Mike Maignan: "Il razzismo è sempre esistito, una piaga difficile da debellare se non si utilizza il pugno duro verso quattro imbecilli che con i loro comportamenti macchiano un’intera tifoseria. Rispetto al passato oggi sono più evidenti perché ci sono telecamere ovunque. Io radierei queste persone dagli stadi". Mercato, per il vice Brahim in arrivo la 'moncadata'! Le ultime news >>>

tutte le notizie di