Soriano (AD Manchester City): “Sentenza UEFA politica, accuse false”

Soriano (AD Manchester City): “Sentenza UEFA politica, accuse false”

Ferrán Soriano, dirigente del Manchester City, intervistato dalla tv ufficiale dei ‘Citizens’: si contesterà la squalifica biennale dalla Champions League

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Ferrán Soriano Manchester City

NEWS DALL’ESTERO – Come noto, qualche giorno fa la UEFA ha inflitto 30 milioni di euro di multa, ma soprattutto, la squalifica per due stagioni, 2020-2021 e 2021-2022, dalle competizioni europee, al Manchester City per aver sovrastimato delle sponsorizzazioni al fine di aggirare i vincoli del Fair Play Finanziario. Una sentenza pesante, quella arrivata da Nyon, perché, a detta della UEFA, il club inglese non avrebbe collaborato per dirimere la questione.

Oggi, quindi, ai microfoni della tv ufficiale dei ‘Citizens‘, ha parlato l’amministratore delegato Ferrán Soriano, che ha rilasciato una lunga intervista per far luce sulla questione e per cercare di portare un po’ di chiarezza tra i tanti sostenitori del Manchester City di Pep Guardiola, secondo in classifica in Premier League ed ancora in piena corsa per vincere l’attuale edizione della Champions League. Queste le dichiarazioni di Soriano, così come riportate da ‘Calcio e Finanza‘:

Sulla sentenza“I tifosi possono essere sicuri di due cose. Il primo è che le accuse sono false. E il secondo è che faremo tutto il possibile per dimostrarlo. Sappiamo che i tifosi ci stanno supportando. Possiamo sentirlo. I fan del City hanno affrontato sfide nel corso dei decenni. Questa è solo un’altra sfida. Staremo insieme, lo attraverseremo e non deluderemo i nostri tifosi”.

Sull’opinione del club“Penso che il club debba dire qualcosa. Deve dirlo per noi, per i nostri stakeholders, per i fan e per l’intera famiglia del Manchester City in tutto il mondo. Tuttavia, dobbiamo stare attenti. Dobbiamo essere rispettosi come lo siamo stati riguardo questo processo, che continua. Vorrei poter dire di più, vorrei aver potuto parlare 5 minuti dopo l’annuncio, ma ho dovuto chiedere una consulenza legale su ciò che può e non può essere condiviso, ma spero di poter condividere abbastanza per capire dove siamo e dove stiamo andando”.

Sulle accuse mosse ai ‘Citizens’“La cosa più importante che devo dire oggi è che le accuse non sono vere. Semplicemente non sono vere. Il proprietario non ha messo soldi in questo club che non siano stati correttamente dichiarati. Siamo una squadra di calcio sostenibile, siamo redditizi, non abbiamo debiti, i nostri conti sono stati esaminati molte volte, dai revisori dei conti, dai regolatori, dagli investitori e questo è perfettamente chiaro”.

Sulla presunta mancanza di collaborazione“Abbiamo collaborato a questo processo. Abbiamo consegnato un lungo elenco di documenti che riteniamo prove inconfutabili del fatto che le affermazioni non siano vere ed è stato difficile perché lo abbiamo fatto in un contesto in cui le informazioni sono trapelate ai media, in un contesto in cui ci siamo sempre sentiti come se fossimo considerati colpevoli ancora prima che qualsiasi cosa fosse discussa. Alla fine, però, questo è un procedimento interno che è stato iniziato, portato avanti e giudicato da questa camera sul Fair Play Finanziario della UEFA”.

Su cosa pensa il City di questo processo, definito ‘prevenuto’“Beh, questa è la nostra esperienza, questo è come ci siamo sentito durante questo processo. Certo, Certo, molte persone vengono adesso e dicono, ‘beh, cosa ti aspettavi? Funziona così. Dovresti aspettarti un risultato negativo visto il modo in cui il sistema è progettato’. Ma non ci credevamo. Abbiamo lavorato molto duramente. Abbiamo fornito le prove, ma alla fine la Camera investigativa per il Fair Play Finanziario ha fatto affidamento più sulle e-mail rubate fuori contesto rispetto a tutte le altre prove che abbiamo fornito su ciò che è effettivamente accaduto e penso che sia normale che ci sentiamo come ci sentiamo. Fondamentalmente basato sulla nostra esperienza e sulla nostra percezione, questo sembra essere una decisione che riguarda meno la giustizia e più la politica”.

Sul ricorso al TAS“Siamo andati alla metà del processo al TAS perché era chiaro per noi che non avremmo avuto un processo equo e che eravamo preoccupati. Eravamo particolarmente preoccupati per le informazioni che continuavano a trapelare. Il TAS ha affermato che il nostro ricorso era valido, hanno affermato che la quantità di notizie trapelate era “preoccupante” e hanno dichiarato che lo avrebbero giudicato al termine del processo. Il processo è terminato ora, andremo di nuovo al TAS. Tempistiche? Stiamo ovviamente cercando un giudizio anticipato attraverso un processo approfondito e un processo equo, quindi la mia migliore speranza è che tutto questo sia finito prima dell’inizio dell’estate ma fino ad allora per noi, va avanti tutto come al solito”.

Su cosa vorrebbe il Manchester City“Tutto ciò che stiamo cercando è una giusta sentenza da parte di un organo indipendente e imparziale che si prenderà il tempo di esaminare tutte le prove e guardarle senza preconcetto. Non vedo l’ora anche di arrivare alla fine di questo processo per mettere fine alle voci che ci accompagnano qualsiasi cosa facciamo, che qualsiasi risultato che otteniamo si basa solo sul denaro e non sul talento e sullo sforzo. Le centinaia di persone che lavorano in questo club sanno che non è vero, che si tratta di sforzo e talento, quindi forse alla fine, questa è un’opportunità”

Sull’esperienza del City con la Camera investigativa UEFA“È stata negativa per noi, più di quanto avrei immaginato. Ma questa non è la UEFA. Non stiamo parlando dell’intera UEFA, che è un’associazione di federazioni. Conosco personalmente molte persone che lavorano all’UEFA, molto duramente a beneficio della UEFA, a beneficio delle squadre della UEFA come la nostra, ma anche a vantaggio del calcio. Se l’esperienza negativa che abbiamo avuto e il modo in cui questo processo è andato avanti è negativo, è negativo anche per loro. La UEFA è molto più grande della Camera investigativa per il Fair Play Finanziario”.

Su Guardiola: “Ovviamente ho parlato con lui, è stato tenuto informato su questo processo, ma questo non è qualcosa per cui lui debba rispondere. Si concentra sul calcio, si concentra sulle partite così come i giocatori. Sono calmi, concentrati e questa questione è più una questione di business, una questione legale che qualcosa che riguardi il calcio”. Il manager iberico, intanto, ha già delineato il suo pensiero su quello che sarà il suo futuro, anche alla luce di questo ‘ban‘ del City dalle coppe europee: continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy