Milan-Roma, Ambrosini svela: “Non avrei potuto dire no ai giallorossi”

ULTIME NOTIZIE MILAN ROMA – Massimo Ambrosini, ex centrocampista rossonero, ha parlato della partita Milan-Roma, che si giocherà questa sera

di Salvatore Cantone, @sa_cantone
Massimo Ambrosini Milan

ULTIME NOTIZIE MILAN-ROMA

 

MILAN-ROMA Massimo Ambrosini, ex centrocampista del Milan, ha rilasciato un’intervista al sito ufficiale della Roma. In primo piano ovviamente la partita di questa tra la squadra rossonera e quella giallorossa. Ecco cosa ha detto: “Partite giocate contro la Roma? È stata l’unica squadra a cui ho segnato una doppietta. Nel maggio 2009, nella partita in cui Maldini salutò i tifosi del Milan a San Siro, io feci due gol. Non bastarono, perdemmo 3-2. Però ci sono stati anche diversi altri momenti positivi”.

Il campionato vinto all’Olimpico nel 2011, ad esempio.
“Era la penultima giornata, pareggiammo 0-0 a Roma e conquistammo il titolo. Io ero il capitano, la squadra era fortissima con Ibrahimovic davanti e non solo. Zlatan aveva 10 anni di meno. Ma non fu l’unico 0-0 con la Roma che ricordo bene. Ce ne sta anche un altro…”.

Quale?
“Nel 2002. Fu la mia prima volta da capitano del Milan. Era la penultima giornata. Partita non esaltante da parte nostra e del sottoscritto, ma che riuscimmo a portare in pareggio prendendo un punto utile per entrare in Champions da quarti”.

E la Roma, di fatto, perse il campionato in quella giornata.
“Chissà come l’avrà presa il mio migliore amico… (ride, ndr)”.

Prego?
“Sì, il mio migliore amico è romanista”.

Romano di nascita?
“No, è di Pesaro come me. Non so come sia diventato romanista. Classe 1977 anche lui. Un vero appassionato di calcio. Siamo cresciuti insieme. Ricordo ancora oggi le sue lacrime per la finale di Coppa Italia persa contro il Torino nel 1993. Ho sempre percepito qualcosa di speciale nella Roma e nei suoi tifosi”.

Ci avrebbe giocato?
“Mah, la mia carriera è stata abbastanza monotona, legata quasi interamente al Milan. Non so se ci sono mai stati interessamenti concreti, ma a determinate condizioni non avrei potuto dire di no”.

Peraltro, come Maldini, lei giocò la sua ultima partita da capitano del Milan a San Siro proprio contro la Roma.
“Un altro 0-0, nel 2013, non memorabile. Nella partita successiva ci qualificammo per la Champions vincendo a Siena”.

Ed è stata l’ultima partecipazione del Milan nella massima competizione europea.
“Vedremo come finirà questo campionato. Il Milan di oggi sta cercando di ricostruire soprattutto una base di campioni, un pezzo alla volta”.

Che sfida sarà lunedì sera?
“Si affrontano due squadre forti. Una delle due ha qualche certezza in più rispetto all’altra, il Milan. Finora ha fatto un percorso netto. Ma la Roma per qualità di giocatori non è inferiore. Anzi. Ha una rosa molto competitiva. Mi aspetto una prestazione coraggiosa da parte di entrambe”.

Da ex centrocampista, quanto il match verrà deciso in mediana?
“Noto una caratteristica comune nelle due formazioni. Entrambe amano liberare da quella zona di campo i diversi elementi di talento in attacco. Facendo filtro, lavorando tanto in fase di non possesso. Hanno tutte e due giocatori di movimento in avanti, i centrocampisti dovranno essere bravi a fermare l’azione degli offensivi avversari”.

Cosa le piace di Fonseca?
“Mi piace la tranquillità, l’equilibrio, la voglia di provare a comandare sempre le partite. Lo scorso anno ha avuto la capacità di compattare l’ambiente con i tanti infortunati. Non è riuscito a concretizzare il lavoro fino in fondo, ma si è meritato la riconferma. È un tecnico moderno, non si fossilizza su un’idea unica, cerca di valorizzare quello che ha a disposizione. Resto dell’idea che la Roma sia molto forte. È costruita bene”.

Commenterà Milan-Roma come seconda voce di Sky?
“No, ci saranno Trevisani e Marchegiani in cronaca, io sarò in studio nel pre e nel post gara. Vedremo una grande partita, sono sicuro”.

DOVE VEDERE MILAN-ROMA QUESTA SERA >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy