Libro Mihajlovic, Ibrahimovic: “Sinisa grande uomo, andrei in guerra con lui”

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna, presenta il suo libro: “La partita della vita”. In collegamento Zlatan Ibrahimovic

di Alessio Roccio, @Roccio92
Ibrahimovic e Mihajlovic

Libro Mihajlovic: le parole di Ibrahimovic

MILAN NEWSSinisa Mihajlovic, tecnico del Bologna, ha presentato dalla sala Buzzati in via Solferino la sua autobiografia “La partita della Vita”. In collegamento tanti campioni: Mancini, Stankovic, Totti e tanti altri. Spazio anche a Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan e grande amico dell’allenatore.

Sul mancato passaggio di Ibrahimovic alla Roma in passato, Sinisa ha risposto: “Sicuramente sia lui che Totti insieme avrebbero segnato il doppio rispetto a quanto ne hanno realizzati”.

Ibra ha anche parlato del rapporto con Sinisa: “E’ un grande uomo perché ho avuto l’occasione di giocarci contro, e all’inizio non è stato amore a prima vista (ride ndr), ma poi all’Inter è stato amore dal primo giorno. E’ una persona fantastica e mi è dispiaciuto che non abbiamo giocato insieme. Ho sempre detto che in guerra lo avrei voluto al mio fianco. Ho conosciuto Sinisa meglio di tutti gli altri, siamo andati insieme in Serbia nel giorno della sua ultima gara al calcio”.

In studio chiedono chi avrebbe calciato i rigori fra Zlatan e Sinisa. Mihajlovic: “Vedendo come ha tirato gli ultimi due rigori Ibra… (ride, ndr). Però io nella mia carriera ho sbagliato più rigori che punizioni”. Ibra sta allo scherzo: “Non tirerò più i rigori (ride, ndr)”.

Totti su Ibrahimovic: “Lui può giocare pure con una gamba fino a 50 anni. E’ un piacere vederlo, è bello, forte fisicamente, trova la soluzione che non ti aspetti. Spero di vederlo ancora per tanti anni”.

Mancini su Ibrahimovic: “Io credo che Zlatan, così come Totti, sia stato uno dei giocatori più al mondo in assoluto. A Zlatan lo aiuta ovviamente anche il fisico, ma anche perché è stato un professionista in tutto. Io ho avuto la fortuna di averlo e per questo ho vinto (ride ndr).

Ibrahimovic sul fatto di sentirsi immarcabile: “No no, mi sento bene e i miei compagni mi aiutano. Sto bene fisicamente e so come gestirmi”.

Sulla trattativa Bologna-Ibra dello scorso anno, Sinisa dice: “Non è andata in porto perché per noi sarebbe stata una cosa anche troppo grande. Lui mi disse che mi avrebbe chiamato prima che decidesse, infatti poi come normale che fosse mi ha chiamato per dirmi che andava al Milan. Peccato che ci fosse stato il Milan, magari sarebbe venuto. Con lui in campo sei già 1-0..”.

Ibra su Mihajlovic in ospedale: “Quando venni a sapere di questa cosa non sapevo quando era il momento per chiamarlo. Volevo dargli tutta la mia forza per essere positivo. Non riuscivo ad esprimere le parole giuste e stavo male. Ho avuto un fratello con lo stesso problema. E’ stato Sinisa a dare la forza a me, invece del contrario. Dopo qualche settimana poi sono stato più preparato a dargli la giusta forza. Avrei fatto tutto per lui in quel momento. Il Bologna ha fatto tutto per portarmi là, ma il mio discorso era che non sapevo se smettere o andare avanti. Gli dissi che se fossi venuto sarei andato a Bologna gratis, perché sarei andato lì per Sinisa. Poi però scelsi il Milan, perché volevo continuare a giocare in Europa”.

Ibrahimovic sul Covid: “Sì, bisogna aiutare tutti rispettando le misure di sicurezza e seguire il protocollo indossando la mascherina e mantenendo le distanze”.

MILAN CACCIA A DUE BOMBER DELL’AJAX>>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy