Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

calciomercato

Gianni Di Marzio: “Rangnick andrà al Milan. Non confermerei Paqueta”

L'ex allenatore Gianni Di Marzio (credits: GETTY Images)

Gianni Di Marzio, ex allenatore, ha parlato di quanto accadrà, in campo, sul mercato ed in panchina, al Milan per la stagione 2020-2021: le sue parole

Daniele Triolo

"CALCIOMERCATOMILAN - Gianni Di Marzio, ex allenatore e papà di Gianluca, giornalista esperto di calciomercato, ha parlato di Milan a 'Maracanà', trasmissione in onda sulle frequenze di 'TMW Radio'. Queste le dichiarazioni di Di Marzio:

"Su Sandro Tonali al Milan: "E' un giovane di prospettiva, questo è fuori discussione. Ha una buona visione di gioco, è tecnico, sa recuperare palloni. E' più un playmaker basso ma è un ottimo centrocampista. Bisogna vedere se un tecnico vuole giocare con un play con questa caratteristiche. Con Stefano Pioli lo vedrei bene. Ha fatto un ottimo lavoro, è un allenatore serio, che non fa proclami, potrebbe lavorare bene con il ragazzo. Ma sono convinto che il Milan abbia già preso un nuovo tecnico per la prossima stagione".

"Sul futuro tecnico: "Ralf Rangnick. Vedo che si stanno già muovendo sul mercato straniero. Vedremo se riuscirà a collaborare con un direttore sportivo come Frederic Massara. Se non conosci il movimento, è dura sopravvivere in Italia. Lui poi un manager a tutto tondo, ma come tecnico può dare una svolta".

"Su Lucas Paqueta: "Non lo riconfermerei, non ha risposto alle aspettative. Non è mai stato come Ricardo kaka, perché così lo hanno presentato. Non è da grande club, non è da Milan. Cercherei di non perdere il capitale".

"Su Ante Rebic: "Ha avallato il suo acquisto Zvonimir Boban, a cui sono legato per le sue competenze calcistiche. Inizialmente è stato un flop, poi ha mostrato le sue qualità. Bisogna capire la cifra con cui riscattarlo. Se non fosse troppo alta, lo prenderei". LE ULTIME NEWS DI CALCIOMERCATO SU ALESSIO ROMAGNOLI >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

tutte le notizie di

Potresti esserti perso