Galliani: “Ibrahimovic è immortale. Conte? Lo volevo al Milan” | News

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Adriano Galliani, ex amministratore del Milan e attuale dirigente del Monza, ha rilasciato un’intervista a Sky Sport

di Salvatore Cantone, @sa_cantone
Adriano Galliani AC Milan

Ultime Notizie Milan News: le parole di Galliani

 

MILAN NEWSAdriano Galliani, amministratore delegato del Monza, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Sky Sport. L’ex dirigente del Milan era presente alla Pinetina. visto che il club brianzolo ha disputato un’amichevole contro l’Inter di Conte. Ecco cosa ha detto.

Sull’amichevole di oggi: “Sicuramente è stata una sensazione molto particolare essere qui, non ero mai entrato prima nel centro dell’Inter quando ero al Milan. Ora lo posso fare con il Monza e sono stato accolto molto bene da tutti. Ho conosciuto Marotta 40 anni fa in un Monza-Varese dei primissimi anni ’80. Conte? Ne abbiamo parlato, ma era uno degli interim-period che negli ultimi 2-3 anni hanno un po’ bloccato la crescita del Milan. Se fosse capitato prima, probabilmente sarei riuscito a portare a termine il mio corteggiamento. E’ un grande allenatore, fa giocare bene le sue squadre. Complimenti all’Inter per averlo preso. Il presidente Berlusconi è così tifoso che mi ha chiamato nell’intervallo per conoscere il risultato del Monza. Il Milan è stato il suo glorioso passato, di cui non ci si dimentica, me compreso. Il nostro sogno è quello di portare il Monza in Serie A per la prima volta, speriamo già quest’anno”.

Su Ibrahimovic: “Ricordo bene quando ero a Barcellona 10 anni fa quando ero là a prendere Ibra, straordinario in campo e per quello che da alla squadra nello spogliatoio. Ibra è un totem, è immortale. Non è solo merito di Ibra. Bisogna dare atto a Pioli di aver trovato la quadratura del cerchio con il 4-2-3-1, poi sono arrivati dei ragazzi bravi. Pur essendo al centro d’allenamento dell’Inter, continuo a rimanere tifoso del Milan ovviamente. Dopo 31 anni non si può cambiare bandiera”

Sui tanti allenatori cresciuti al Milan: “Se voi fate il conto di quanti ex giocatori del Milan sono diventati grandi allenatori, vi renderete conto che il Milan sia stata una grande palestra. E’ forse la cosa che rende più orgogliosi il presidente Berlusconi e me”. Intanto Brambati è sicuro: “Arnault vuole il Milan. Ecco come faccio a saperlo”. VAI ALLA NOTIZIA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy