Brescianini: “Cresciuto con il Milan nel cuore: idoli Kaka e De Bruyne”

Brescianini: “Cresciuto con il Milan nel cuore: idoli Kaka e De Bruyne”

Marco Brescianini, centrocampista e capitano del Milan Primavera di Federico Giunti, a 360°: dalla vita privata a quella di campo, tutto ciò che lo riguarda

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Marco Brescianini Milan Primavera

NEWS MILANMarco Brescianini, classe 2000, centrocampista e capitano del Milan Primavera allenato da Federico Giunti, ha parlato, in esclusiva, ai microfoni di ‘Radio Rossonera‘. Queste tutte le dichiarazioni di Brescianini:

Sulla sua giornata tipoGuardo le ultime notizie del telegiornale, ascolto musica e vedo serie tv. Al pomeriggio cerco di allenarmi a casa per quello che posso facendo esercizi basati sulla forza sia per gli arti superiori che inferiori. Di sera solitamente guardo un film“.

Sui suoi film preferitiLa mia serie tv preferita è Peaky Blinders. Difficile scegliere un film preferito, di sicuro il mio regista preferito è Quentin Tarantino quindi dico: Django, Pulp Fiction e The Hateful Eight. La mia canzone preferita è Power di Kanye West“.

Su cosa avrebbe fatto se non avesse fatto il calciatoreAvrei proseguito con gli studi e sarei diventato disegnatore meccanico. In alternativa, restando in ambito sportivo, direi personal trainer o preparatore atletico“.

Su quali sono i suoi calciatori preferitiPer mentalità dico Cristiano Ronaldo perché ha sempre lavorato duramente per raggiungere i suoi obiettivi. Sono cresciuto avendo il Milan nel cuore, la mia famiglia è tutta milanista, cito Kakà che è la figura alla quale mi sono ispirato di più. Essendo io una mezzala, il mio giocatore preferito di oggi è Kevin De Bruyne del Manchester City“.

Sul suo momento più bello e quello invece più difficileIl momento più difficile è stato quando per 2/3 anni giocavo poco nel settore giovanile anche per via del mio fisico ma l’impegno e la voglia negli allenamenti non mancavano mai; in quei momenti ho imparato a non mollare. Uno dei momenti più belli è accaduto la scorsa estate quando durante l’International Champions Cup mi è stato concesso di giocare qualche minuto contro Bayern, Benfica e Manchester United“.

Sul compagno più casinista, su quello più chiacchierone e su quello più forteCasinista Matteo Soncin. Alessandro Sala parla molto sia in campo che fuori. Il più forte sono io (sorride n.d.r.); scherzi a parte, il livello è alto e non sarebbe giusto citarne solo uno. Siamo tutti forti“.

Sui giocatori della Prima Squadra rossoneraIl giocatore che mi ha impressionato di più è Ismaël Bennacer perché nonostante un fisico minuto riesce a primeggiare nei duelli individuali e ha un’elevata tecnica di base. Tra i giocatori che mi hanno dato più consigli direi Ignazio Abate nella scorsa stagione; Zlatan Ibrahimovic, Hakan Calhanoglu, Lucas Biglia e Alessio Romagnoli in questa. Loro tendono sempre a dare una mano ai ragazzi più giovani“.

Sul giocatore a cui ha provato a rubare qualche segreto in campoHo provato a rubare qualche segreto dai giocatori che in campo giocano nel mio ruolo: Giacomo Bonaventura e lo stesso Bennacer. Mi ha inoltre molto colpito la mentalità di Ibrahimovic: anche durante le partitelle vuole sempre vincere“.

Chiusura con un appelloDico a tutti di restare a casa! Perché un piccolo contributo da parte nostra può salvare molte vite. Il numero delle ambulanze che si sentono vicino a casa mia è impressionante, vivo nella zona di Brescia che è una delle più colpite insieme a Bergamo. Ci tengo a ringraziare tutti i medici, il personale sanitario e la protezione civile che sono in prima linea“. LEGGI QUI L’INTERVISTA SUL MILAN DI ALEXANDRE PATO >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy