Serie A Femminile, Milan-San Marino 4-1: poker delle Rossonere | News

Il Milan Femminile di Maurizio Ganz ha vinto in rimonta, 4-1, contro il San Marino al ‘Vismara’. La cronaca della partita delle Rossonere

di Redazione
Natasha Dowie AC Milan Femminile

Milan Femminile, poker al San Marino: il racconto del match

 

Il Milan Femminile di Maurizio Ganz ha vinto in rimonta, 4-1, contro il San Marino al ‘Vismara‘ nell’ultimo turno della Serie A Femminile. La cronaca della partita delle Rossonere del nostro collaboratore Giovanni Picchi.

HOME SWEET HOME

 

La partita è importante, l’obiettivo è rialzarsi dopo la mezza delusione di Coppa. Il pullman rossonero scorta le rossonere verso lo stadio Vismara. Finalmente a casa. Infatti il Milan Femminile ha sempre giocato in trasferta dal 13 dicembre, in occasione della vittoria interna con il Sassuolo. Vismara porta solo ricordi piacevoli alla squadra di Maurizio Ganz: il Milan Femminile nel 2020/21 ha sempre vinto nella propria patria. L’unica sconfitta stagionale, infatti, è giunta in casa contro la Juventus, ma quella partita è stata disputata a San Siro. Valentina Giacinti e compagne imboccano il tunnel nella pancia dello stadio, con lo sguardo concentrato: l’obiettivo è proseguire lo score positivo fra le mura amiche.

LA PARTITA

 

In perfetto orario l’arbitro dà inizio all’incontro. “L’attesa è finita, si comincia” per dirla alla Sandro Piccinini. Nei primi 20 minuti, le attaccanti rossonere, la D&G, mettono subito in chiaro le cose: questa è casa loro. Al 15’ Natasha Dowie svetta ma di testa manda sul fondo, 4 minuti più tardi Giacinti calcia largo dal limite dell’area. La prima fase di gioco è tutta a strisce rossonere, con la bandiera iberica di una Veronica Boquete particolarmente ispirata sulla copertina. Il gol però non arriva.

Al 30’ si fa vedere anche il San Marino. Maria Korenciova e la difesa milanista non si capiscono e rischiano nella propria area. Dopo gli errori con Fiorentina e Sassuolo, un altro regalo sarebbe il patatrac. Gli ospiti, però, non riescono ad approfittarne. Il Milan attacca con insistenza, ma senza precisione. Dopo un minuto di recupero, il direttore di gara fischia la fine del tempo. Nella ripresa subito squillo Milan Femminile: Boquete dalla bandierina prova il gol olimpico, palla che finisce sul palo.

Dopo 50 minuti di dominio, arriva la beffa. Francesca Vitale è ingenua e stende Menin in area, Corazzi batte Korenciova dal dischetto. 0-1 al 50’. Due minuti più tardi, Boquete accoglie l’assist di Dowie, ma a tu per tu con il portiere colpisce la traversa. Clamoroso. Quando la partita sembra stregata, ecco che prende una svolta. Al 55’ Refiloe Jane serve Giorgia Spinelli, che calcia di sinistro senza troppe pretese. Ciccioli sbaglia la presa e la palla gonfia la rete: 1-1!

Il Milan si è sbloccato, e diventa incontenibile. Al 61’ Linda Tucceri appena entrata pennella per Dowie, che spizza di testa quanto basta e fa 2-1. Rimonta completata. E a 12 minuti dal novantesimo, ancora l’inglese va a segno e chiude la partita. 3-1 al 78’, seconda doppietta in due partite al San Marino per Natasha Dowie. Nel recupero c’è gloria anche per Tamborini, appena subentrata, che dà fuori fa 4-1, segnando il primo gol stagionale. Al 94’ l’arbitro fischia tre volte: ancora una volta, ha vinto il Milan Femminile.

SGUARDO AVANTI

 

Un’altra, l’ennesima vittoria fondamentale per il Milan Femminile di Ganz. Quando il Diavolo deve ottenere i tre punti, risponde sempre presente. A proposito di partite decisive, le rossonere stanno per entrare in una fase clou della stagione. Prima il ritorno di Coppa Italia contro il Sassuolo, in mezzo il Bari e poi lo scontro con la Juventus: un trittico di fuoco. Obiettivo? Sempre quello, la vittoria! Calciomercato Milan: occhi sull’erede di Donnarumma. Vai alla news >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy