Coppa Italia Femminile, Cesena-Milan 0-2: batti il 5! | News

ULTIME NOTIZIE MILAN FEMMINILE – I gol di Spinelli e della solita Giacinti regalano al Milan il quinto successo consecutivo. Tante rotazioni per Maurizio Ganz

di Redazione
Milan Femminile

Cesena-Milan Femminile, il commento di Giovanni Picchi

Turn Over Totale

Al Centro Sportivo Martorano il Cesena ospita una squadra provenente da Milano, che però non è il Milan, o almeno così pare. Ganz, rispetto alla sfida con la Roma, cambia infatti 7 delle 11 giocatrici titolari, le quali scendono in campo con un’insolita maglia verde mela. Partono dalla panchina calciatrici del calibro di Agard, Boquete, Jane e, soprattutto, Valentina Giacinti. Era lecito attendersi delle rotazioni per concedere alle stancanoviste di rifiatare, ma stravolgere completamente la squadra forse è un rischio troppo grande.

La partita

Il direttore di gara fischia ed inizia la partita. 

La partenza del Milan ci smentisce subito: le rossonere (anzi, le verdi) cominciano con il giusto spirito e impongono subito la propria superiorità.

Dopo poco più di un quarto d’ora il Diavolo ha già colpito due legni: al 5’ Dowie calcia sul palo, al 18’ il tiro di Kulis, schierata larga sulla sinistra, si schianta contro la traversa.

La fortuna è dalla parte del Cesena, ma il Milan è pericoloso ed il gol è nell’aria. Puntualmente alla mezz’ora la partita si sblocca: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Giorgia Spinelli, salita dalle retrovie, impatta il pallone con un gran mancino al volo e batte il portiere. Gesto atletico non indifferente, specialmente per un difensore.

Passata avanti, la squadra rossonera gestisce il possesso e mantiene il vantaggio fino al 45’ .

Nell’intervallo Ganz effettua due cambi: fuori Dowie e Rizza, dentro Giacinti e Bergamaschi, che non giocava dal match contro l’Empoli.

Il Cesena rientra dagli spogliatoi con la giusta convinzione e riesce a mettere in difficoltà il Milan. Le rossonere non si devono rilassare: la partita è lunga e un gol rimetterebbe tutto in equilibrio. 

I padroni di casa attaccano con insistenza, e al 52’ trovano il pareggio su calcio d’angolo. Il guardalinee però alza la bandierina e salva il Milan: si rimane sul punteggio di 0-1.

Intorno alla metà della ripresa, gli ospiti hanno due colossali palle gol: al 65’ con Giacinti, che a un metro dalla porta non riesce a ribadire in rete, e al 67’ con Salvatori-Rinaldi, che colpisce di testa tutta sola da posizione favorevole. In entrambe le occasioni è decisiva Pignagnoli, il portiere bianconero, reduce da un lungo stop e protagonista di una vicenda molto positiva. Quando la ragazza scopre di aspettare un figlio comunica la lieta notizia al Cesena, che decide allora di rinnovarle il contratto per un altro anno, compiendo un gesto che purtroppo non si verifica spesso nel calcio femminile. Quella contro il Milan è per Pignagnoli la prima partita da mamma.

Tornando al racconto del match, il Diavolo riprende le redini dell’incontro, attaccando in cerca del raddoppio.

Al 71’, Kulis si occupa della battuta del calcio d’angolo, e mette in mezzo un cross molto insidioso. La traiettoria del pallone scavalca tutti tranne Valentina Giacinti, che da due passi fa 2-0. Il capitano rossonero ti può perdonare una volta, ma alla seconda occasione non sbaglia mai. La partita è ormai chiusa e Ganz effettua diversi cambi. Al 75’ esce Simic, tornata dopo quasi un anno di inattività per un infortunio al ginocchio. Al suo posto entra la diciassettenne Morleo, all’esordio in gare ufficiali con la maglia del Milan.

Il Cesena non ha più la forza di reagire e la partita si spegne sullo 0-2.

Sguardo proiettato in avanti 

L’incontro di Cesena regala alla squadra di Ganz la 5° vittoria consecutiva e il primo posto nel girone. Domenica pomeriggio il Milan farà tappa a Bergamo, dove contro l’Orobica si giocherà il pass per i quarti di finale della Coppa Italia.

Il retroscena del ct dell’Ungheria su Szoboszlai al Milan >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy