Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Amarcord – 31 maggio 2009, l’ultima di Maldini da giocatore

Al Franchi di Firenze Paolo Maldini salutò il Milan, la Serie A e il calcio giocato dopo una carriera da sogno. La gara terminò 0-2 con reti di Kakà e Pato

Peppe Gallozzi

"ULTIME MILAN - Il Franchi in piedi. I giocatori di Milan e Fiorentina ad applaudirlo, per l'ultima volta. Salutò i colori rossoneri, la Serie A e il calcio giocato Paolo Maldini quel 31 maggio del 2009. Fiorentina - Milan terminò 0-2 in favore dei rossoneri che riuscirono, con quel risultato, ad acciuffare la qualificazione al tabellone principale della Champions League. Fu anche il giorno dei saluti di Carlo Ancelotti sostituito in panchina, nella stagione successiva, da Leonardo.

"Il capitano, per l'ultima volta da giocatore con la fascia al braccio, disputò la solita partita sontuosa impegnato a tenere a bada l'ex Gilardino. Meglio la Viola nella prima frazione con tante occasioni capitate. Cinico il Milan che risolse la partita grazie a due guizzi di Kakà e Pato rispettivamente al cinquantacinquesimo e al settantacinquesimo. Poi la standing ovation al capitano, all'eterno numero tre con tutta la famiglia presente sugli spalti.

"FIORENTINA-MILAN 0-2

"Marcatori: 55’ Kaka, 75’ Pato

"Fiorentina (4-2-3-1): Frey, Comotto, Zauri, Gamberini, Pasqual (67’ Kuzmanovic), Donadel, Montolivo, Semioli, Jovetic (58’ Jorgensen), Vargas (58’ Gobbi), Gilardino. A disposizione: Storari, Kroldrup, Tagliani, Maritato. Allenatore: Prandelli

"Milan (4-2-3-1): Dida; Zambrotta, Maldini, Favalli (75’ Nesta), Jankulovski , Beckham(80’ Gattuso), Pirlo, Flamini, Kakà, Seedorf, F. Inzaghi (67’ Pato). A disposizione: Kalac, Senderos, Ronaldinho, Shevchenko. Allenatore: Ancelotti.

"Arbitro: Rizzoli di Bologna.

"Potrebbe aprirsi un nuovo scenario tra il Milan e l'UEFA con il TAS sullo sfondo: continua a leggere >>>

"SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

"SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

tutte le notizie di

Potresti esserti perso