Calciomercato Milan – Via Caldara? Cifre e impatto a bilancio

Calciomercato Milan – Via Caldara? Cifre e impatto a bilancio

Milan, che fare con Mattia Caldara? Acquisti e cessioni di mercato sono valutati in base all’impatto sul bilancio, così come ingaggi e plusvalenze. Il punto

di Domenico Abbondandolo, @domenicoabb

CALCIOMERCATO MILAN – Trattative, acquisti e cessioni, inutile negarlo, saranno valutati in base all’impatto a bilancio che avranno: la cifra incassata, l’ingaggio risparmiato e l’eventuale plus/minusvalenza effettuata. E’ anche il caso di Mattia Caldara.

Dopo un calvario lungo 18 mesi, finalmente l’esperienza in rossonero di Mattia Caldara si appresta ad entrare nel vivo. Il forte difensore classe 1994 ha infatti intrapreso la via del pieno recupero ed è pronto ormai ad offrire il suo contributo alla causa. Spetta a Stefano Pioli decidere come e quando inserirlo nello scacchiere difensivo, possibilmente al fianco di capitan Alessio Romagnoli.

Almeno questa è l’idea di base del Milan, intenzionato a rivalutare l’investimento fatto appena un anno e mezzo fa. Ma le vie del mercato sono infinite e in questo senso pare che l’Atalanta, il club che lanciò il difensore, sia disposta a tutto pur di riportarlo a casa. Proprio per questioni legate al bilancio, ancor prima che tecniche e gestionali, pare tuttavia difficile immaginare che il Milan possa privarsi di Caldara, a maggior ragione a gennaio.

Il difensore italiano ha infatti un valore netto a bilancio di € 24.500.000, che renderebbe quasi impossibile evitare una minusvalenza in caso di cessione. È difficile infatti immaginare che il club bergamasco possa offrire una cifra pari o superiore a quella indicata e – visto che i rossoneri non possono permettersi perdite – questo rende impensabile l’idea di una cessione del calciatore. Certo ci sarebbe un risparmio su ammortamento (€ 3.500.000) e stipendio lordo (€ 1.925.000) per un totale di € 5.425.000, ma la cifra non sarebbe comunque sufficiente per giustificare l’addio.

L’unica formula che potrebbe soddisfare le esigenze di entrambi i club sarebbe quella del prestito oneroso con diritto o obbligo di riscatto nel giugno del 2021, quando il valore a bilancio di Caldara sarà pari a € 14.000.000. Ad oggi però l’intenzione del Milan è quella di tenere il giocatore, che tra l’altro preferisce l’ipotesi della permanenza, e di rilanciarlo con un ruolo di fiducia e responsabilità nel proprio progetto tattico. A maggior ragione per la situazione in difesa. Con l’infortunio di Duarte, il Milan deve già cercare un rimpiazzo: doverne trovare due diventerebbe difficile e inutilmente dispendioso.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy