Gattuso: “Belotti ricorda Shevchenko. A Palermo l’ho voluto io”

Gattuso: “Belotti ricorda Shevchenko. A Palermo l’ho voluto io”

Gattuso, uno dei primi allenatori di Belotti, ha parlato dell’attaccante azzurro, facendo un paragone importante con Shevchenko.

Il mondo del calcio sta scoprendo un nuovo campione. Questo inizio di stagione è stato caratterizzato, senza troppi dubbi, dai gol di Andrea Belotti, che sta trascinando il Torino sempre più in alto in classifica. In pochi mesi ha conquistato la Nazionale e ha attirato su di lui l’interesse di tantissimi club, tra i quali il Milan. Il rinnovo di contratto, però, sembra a un passo e per strapparlo al club di Urbano Cairo servirà sborsare cifre davvero molto importanti.

Chi lo conosce bene, già da molto tempo prima di questa esplosione è Gennaro Gattuso, ex Milan, che lo ha allenato ai tempi del Palermo. L’ex numero 8 rossonero ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Tuttosport sul bomber granata, sottolineando come sia stato lui il primo a scoprirlo e azzardando un paragone davvero molto importante con l’idolo del Gallo, Andriy Shevchenko: “Siamo stati io e il ds Perinetti a portarlo a Palermo dall’Albinoleffe. Quando ho detto che mi ricordava terribilmente Shevchenko molti mi hanno preso in giro. Si vedeva che aveva grandissime potenzialità. Forse allora non l’ha dimostrato appieno, ma era lampante. Ho avuto la fortuna di allenarlo, sapevo cosa sarebbe potuto diventare. Ha una caratteristica ben precisa: vive per il gol. Fa tutto con voglia e veemenza, ha il veleno addosso”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Sorpresa Atalanta, i 5 baby d’oro della squadra di Gasperini

Dal Portogallo – Il Pescara di Oddo su Taarabt

Dal Brasile: Milan, si allonta Rodrigo Caio: le ultime

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Google Plus /// Telegram

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy