Allarme San Siro, lo stadio trema: vibrazioni e cocci. Concerti a rischio

Allarme San Siro, lo stadio trema: vibrazioni e cocci. Concerti a rischio

Dopo le vibrazioni di inizio aprile ora cadono calcinacci e cocci: San Siro trema ancora anche se chi di dovere fa sapere che l’impianto è sicuro

di Alessio Roccio, @Roccio92

ULTIME MILAN – Dopo le vibrazioni percepite il 7 aprile in occasione di Inter-Atalanta, con un tam tam mediatico che in qualche modo costrinse Milan e Inter a una nota congiunta pubblicata in tutta fretta per confermare la sicurezza dell’impianto, San Siro torna a tremare. Questa volta, però, i fatti sono stati ripresi con video e documentati con foto, perché durante il match tra Inter e Juventus del 27 aprile, le oscillazioni hanno portato alla caduta di alcuni calcinacci e al conseguente intervento dei vigili del fuoco.

L’inchiesta è partita dalla Gazzetta dello Sport, che dalle pagine di oggi specifica come non abbia alcuna intenzione di creare allarmismo o preoccupazione nei tifosi, ma solamente di documentare. San Siro è sotto osservazione. Monitoraggi e controlli vengono fatti quotidianamente da oltre 10 anni dal Politecnico di Milano, un eccellenza nel settore. Gli esperti garantiscono che le oscillazioni e le vibrazioni percepite siano ritenute normali e che l’impianto non è a rischio. Inoltre, la rosea specifica come il progetto di Inter e Milan riguardante il nuovo stadio non ha nulla a che vedere con la tematica sicurezza del Meazza.

Roberto Ruozzi, presidente di M-I Stadio, società che ha in gestione lo stadio con i due club meneghini, dichiara: “Lo stadio è osservato con sensori che sono in grado di valutare le oscillazioni millimetriche. Le vibrazioni sono normali e avvengono in tutti gli stadi, specie in occasioni di concerti. Preso atto delle oscillazioni in Inter-Atalanta eravamo pronti a chiudere il terzo anello, ma tutti gli esperti ci hanno detto che non c’era alcun provvedimento da prendere”.

Eppure le perizie hanno dimostrato che le oscillazioni variano di 2.6 centimetri da una parte e 2.6 centimetri dall’altra. Insomma, non poco. Tuttavia, per gli esperti queste oscillazioni non hanno indice di pericolosità e sono ritenute normali. I concerti di questa estate potrebbero essere a rischio, con il calendario in programma che subirebbe alcune variazioni. Intanto, Antonio Conte vicinissimo a tornare alla Juventus>>>

FIORENTINA-MILAN IN ESCLUSIVA SU DAZN. PER VEDERLA GRATIS, CLICCA QUI!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy