Roma, Suso piace ma il Milan vuole solo ‘cash’

Roma, Suso piace ma il Milan vuole solo ‘cash’

Jesús Suso, esterno spagnolo del Milan, piace ai giallorossi: per il direttore sportivo Monchi, però, rappresenterebbe solo una soluzione alternativa

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Perso il brasiliano Malcom, che ha preferito accasarsi ‘last minute’ al Barcellona, la Roma continua a sondare il mercato alla ricerca di un esterno offensivo di destra per garantire al tecnico giallorosso, Eusebio Di Francesco, una freccia in più al proprio già ben fornito arco.

Il direttore sportivo iberico Monchi, secondo ‘La Gazzetta dello Sport’, sarebbe tentato di prendere Quincy Anton Promes, 26 anni, olandese originario del Suriname, in forza allo Spartak Mosca. Era già stato seguito l’anno scorso, come alternativa del primo obiettivo capitolino, Riyad Mahrez, ora finito al Manchester City.

Il costo del cartellino sarebbe di circa 25 milioni di euro, ma la Roma spera in uno sconto da parte del club moscovita. Monchi, ovviamente, tiene aperte, e calde, altre piste importanti: costano troppo, per ora, David Neres, brasiliano dell’Ajax, e Leon Bailey, giamaicano di passaporto inglese del Bayer Leverkusen. Per entrambi, il prezzo si aggira intorno ai 50 milioni di euro.

Ecco perché, secondo la ‘rosea’, la Roma potrebbe alla fine andare sulla pista più ‘abbordabile’, ovvero il mancino spagnolo Jesús Suso, classe 1993, in forza al Milan, anche se per ora non sarebbe stato fatto alcun movimento vero sul giocatore. Di sicuro, i rossoneri vorrebbero solo «cash» e non contropartite (si era sparsa la voce di un’offerta in soldi più Diego Perotti, n.d.r.), perciò occorrerebbe un serio lavoro per scendere sensibilmente sotto i 40 milioni richiesti dal Milan. Intanto, ascolta le parole di Suso al termine della partita di International Champions Cup contro il Tottenham.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy