Percosse e minacce ad una cantante: Calhanoglu innocente

Percosse e minacce ad una cantante: Calhanoglu innocente

Hakan Calhanoglu era stato accusato di aver picchiato, minacciato e costretto ad abortire Anita Latifi. Che si è scoperta essere bugiarda

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Come ricordato dall’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’ si è risolta nel migliore dei modi la vicenda giudiziaria che riguardava il fantasista turco del Milan, Hakan Calhanoglu, accusato, nel 2014, dalla cantante Anita Latifi, con la quale aveva avuto una breve relazione, di percosse, minacce e costrizione d’aborto.

Ora, però, si è scoperto come la donna non fosse mai rimasta incinta, nonostante, con l’aiuto di un giornalista che fece emergere la vicenda, avesse chiesto all’ex giocatore del Bayer Leverkusen un risarcimento di 250mila euro. Al contrario, Anita Latifi, incriminata per falsa testimonianza e diffamazione, ha patteggiato adesso una pena di 70 ore di servizi sociali, scagionando, di fatto, Calhanoglu da qualsiasi accusa.

Problema risolto, caso archiviato: il turco, ora, può tornare a pensare soltanto al campo ed al Milan.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Gattuso lancia Calhanoglu: “Oggi potrebbe partire titolare”

Milan, ecco Calhanoglu: finalmente degno della maglia numero 10

Due squadre turche vogliono Hakan Calhanoglu

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy