Gazzetta – Milan, l’Uefa non decide. Ecco i possibili scenari

Gazzetta – Milan, l’Uefa non decide. Ecco i possibili scenari

L’Uefa per il momento ha deciso di rinviare la sentenza nei confronti del Milan in attesa del pronunciamento del Tas. Ecco cosa può succedere

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

ULTIME MILAN – Come viene scritto giustamente dalla Gazzetta dello Sport, il mondo rossonero resta col fiato sospeso. Nella giornata di ieri, infatti, è arrivata la sentenza Uefa sulla violazione dei parametri del fair play finanzario, ma di fatto il massimo organismo calcistico europeo non ha deciso, almeno per il momento. «La Camera Giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario dei Club (CFCB) – si legge nel documento – ha ordinato una sospensiva procedurale del procedimento contro l’Ac Milan in relazione al mancato rispetto dei requisiti di pareggio di bilancio durante il periodo di monitoraggio fissato nella stagione 2018/19 e riferito agli esercizi conclusisi nel 2016, 2017 e 2018. La sospensione della procedura rimarrà in essere fino al pronunciamento del Tas in merito al procedimento attualmente in corso inerente alla sanzione imposta al club per il mancato rispetto dei requisiti di pareggio di bilancio per gli esercizi conclusisi nel 2015, 2016 e 2017».

IL PUNTO – In sostanza l’Uefa non si esprimerà fino a quando non ci sarà la sentenza del Tas, a cui il Milan è ricorso. A meno che dunque Uefa e Tas non superino record di velocità, il club rossonero sarà regolarmente in Europa League nella prossima stagione. Dal Milan nella giornata di ieri non sono arrivate reazioni. E’ probabile che da Nyon abbiano scelto la scelta della prudenza in modo da evitare che una nuova sentenza possa essere ribaltata dal Tas, così come è successo la scorsa estate. Il vero problema, però, è che al momento al Tas non sono state fissate udienze e quindi i tempi saranno piuttosto lunghi.

SCENARI – Il Milan, proprio per accelerare i tempi, starebbe valutando una richiesta per una procedura d’urgenza. Al club rossonero, infatti, non conviene attendere troppo a lungo una sentenza che andrebbe ad accavallarsi con tutto il resto. Possibile che i due procedimenti a carico del Milan possano essere unificati davanti al Tas. In ogni caso l’obiettivo del club rossonero è quello di allungare di un anno il break even (-30 milioni di rosso al massimo) previsto dal Fair play, portandolo dall’attuale 2021 al 2022, ma comunque il mercato di quest’estate dovrà osservare le rigide regole di austerity. Per questo motivo i tifosi rossoneri non si facciano illusioni: non arriverà nessun colpo da urlo. Intanto Boban è sempre più vicino al ritorno. Ecco quale sarà il suo ruolo, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy