Kessie-Bakayoko, il caso finisce in Procura. Il Milan: “No a condizionamenti”

Kessie-Bakayoko, il caso finisce in Procura. Il Milan: “No a condizionamenti”

Il giudice sportivo non ha squalificato Kessie e Bakayoko, ma ha lasciato il via libera alla Procura federale che ha subito aperto un’inchiesta

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

ULTIME MILAN – Come viene riportato dalla Gazzetta dello Sport, il “caso” Kessie-Bakayoko non è ancora chiuso. Come previsto, il giudice sportivo non ha punito i due giocatori, ma ha lasciato il campo aperto alla Procura federale, che ha subito aperto un’indagine. Il  Procuratore Giuseppe Pecoraro ha ravvisato da subito gli estremi della «condotta gravemente antisportiva», e dunque i centrocampisti saranno costretti a difendersi.

RISCHI – Il giudice Gerardo Mastrandrea non ha potuto utilizzare le immagini televisive perché la «condotta gravemente antisportiva» fa scattare la prova tv solo quando una simulazione o un fallo di mano determinano l’espulsione di un avversario, l’assegnazione di un rigore, la realizzazione o l’impedimento di una rete. Allo stesso tempo Mastrandrea non ha potuto sanzionare Kessie e Bakayoko così come ha fatto con i protagonisti della rissa al termine di Milan-Lazio in quanto il gesto della maglia di Acerbi  non era stata refertata né dagli ufficiali di gara, né dagli ispettori federali. Ma adesso cosa rischiano i due calciatori? Possibili un ventaglio di sanzioni, che vanno dalla semplice ammonizione fino alle due giornate di squalifica.

REAZIONE MILAN – Il club rossonero nel pomeriggio di ieri ha emesso un comunicato ufficiale: “Il Milan intende cooperare con la Procura affinché il percorso investigativo venga portato a compimento, nella certezza che il suo esito non sarà in alcun modo condizionato dalle dichiarazioni rilasciate in queste ore”. Chiaro riferimento alle parole di Giorgetti, sottosegretario allo Sport del Governo, e Gabriele Gravina, presidente della FIGC. Vedremo cosa succederà, ma il club è preoccupato per la la forte attenzione mediatica che ha preso la vicenda. Intanto Gattuso viene interrogato a Torino. Continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy