Lucas Paquetà, il trequartista atipico: dribbling, tecnica e versatilità per Gattuso

Lucas Paquetà, il trequartista atipico: dribbling, tecnica e versatilità per Gattuso

Lucas Paquetà ama giocare da trequartista e svariare centralmente, ma in questi mesi ha dimostrato di poter essere molto versatile: ecco tutti i suoi ruoli

di Alessio Roccio, @Roccio92

Lucas Paquetà vestirà a partire dal prossimo gennaio la maglia del Milan. Rispetto al Flamengo i colori sociali non cambieranno e questo potrebbe facilitarne l’inserimento nell’ambiente rossonero, tuttavia si può fare qualche riflessione in più dal punto di vista tattico. Il talentuoso ragazzo nato nel 1997, ama giocare da trequartista e svariare al centro – come dichiarato da lui stesso in una recente intervista – questo perché il suo idolo è Kakà.

VERSATILITA’ – Ma il giovane Paquetà sa anche essere molto versatile. In questi ultimi mesi ha cambiato spesso ruolo, dimostrando una grande velocità di sapersi adattare anche in condizioni differenti. Basti pensare alle due gare che lo hanno visto protagonista nel debutto con la maglia della nazionale brasiliana a settembre contro USA ed El Salvador: schierato falso nueve e mezzala sinistra. Proprio quest’ultimo ruolo dovrebbe essere quello che andrà a ricoprire nel Milan, come alternativa a Bonaventura o eventualmente avanzato nel tridente.

COLPO DI TESTA – Negli ultimi 3 anni Lucas Paquetà è cresciuto di ben 27 centimetri. Il Flamengo lo ha sottoposto a uno specifico allenamento per risolvere i suoi problemi di natura ossea, che gli impedivano di crescere correttamente. Così, ora, dall’alto dei suoi 180 centimetri ha sviluppato anche una buona tecnica nel colpo di testa. Non solo dribbling, fantasia e tecnica per il brasiliano. Costo dell’operazione da 35 milioni più 10 di bonus: ecco i dettagli!

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy