PROFILING – MANUEL LOCATELLI: IL TESORO NASCOSTO DEL MILAN

PROFILING – MANUEL LOCATELLI: IL TESORO NASCOSTO DEL MILAN

Manuel Locatelli - fonte Profilo Facebook Locatelli
Manuel Locatelli – fonte Profilo Facebook Locatelli
Nome: Manuel LocatelliEtà: 17 anni (08/01/1998)Squadra: Milan (Primavera)Ruolo: Centrocampista centrale/internoPiede preferito: DestroLa storia: Nato a Lecco, Manuel viene subito notato dall’Atalanta, una delle migliori società italiane a livello di scouting: in lui c’è quella scintilla tipica dei fuoriclasse e ben presto il Milan si rende conto di non potersi lasciar sfuggire l’opportunità di prelevarlo. All’età di 12 anni lascia gli orobici per vestire la maglia rossonera e dopo le prime partite gli addetti ai lavori rimangono sbalorditi dalle proprietà di palleggio del ragazzo. La sua crescita continua in maniera esponenziale già mentre milita nei Giovanissimi Nazionali strappa agli esperti di calcio giovanile un paragone pesante: “E’ un nuovo Xavi”. A impressionare infatti è la sua capacità di leggere il gioco e di impostare, il che lo porta a prendere in mano le redini del centrocampo e a guadagnarsi la fascia di capitano in molte occasioni, surclassando così alcuni nomi importanti che giocano al suo fianco: la sua luce infatti offusca gente come Patrick Cutrone e Andres Llamas, già quotati prospetti della categoria. Con i compagni raggiunge le Final Eight di campionato e nel finale di stagione tiene un rendimento tanto alto da essere scelto come uno dei migliori della competizione. Ma Locatelli non brilla solo al Milan: anche in Nazionale Under 15, nel quadrangolare De Marchi, si impone in maniera notevole per personalità e qualità. Ora è un punto fermo della Primavera di mister Brocchi, nonostante ha l’età per giocare negli Allievi Nazionali. Contro la Fiorentina, inoltre, è stato convocato da Inzaghi, vista la moria di centrocampisti in Prima Squadra. Questo vuol dire che la qualità c’è! Ma non solo: tra poco inizierà l’avventura con l’Under 17 nella fase Elite dell’Europeo. Con lui gli inseparabili compagni Cutrone, Llamas, Malberti ed El Hilali. E quel 10 sulle spalle che gli calza a pennello…Caratteristiche tecniche: Manuel è un centrocampista centrale dotato di grandissima visione di gioco, dote più unica che rara tra i pari età, e di una qualità sopraffina nel palleggio, tale da meritargli l’accostamento con due mostri sacri come Xavi e Pirlo: dal primo mutua rapidità e padronanza nel gioco corto, dal secondo la precisione chirurgica nel lancio lungo. Ha però una sostanziale differenza rispetto ai due campioni: può contare anche su un fisico ben strutturato e più imponente rispetto a loro (è alto circa 180 cm); i suoi movimenti in campo poi sono generosi e dinamici, il che ha portato gli esperti ad aggiungere che al mix di modelli di riferimento per inquadrare Locatelli vada aggiunto anche un giocatore come Montolivo. Manuel però non è vincolato a giocare davanti alla difesa, dove comunque dà il meglio di sè: è in grado di adattarsi a giocare anche da interno di centrocampo e di spingersi più avanti per realizzare l’ultimo passaggio.Curiosità: Oltre al paragone con giocatori di altissimo profilo, gli esperti di settore hanno visto in lui qualità fuori dal comune non solo tecniche ma anche legate all’aspetto comportamentale e alcuni hanno affermato che possa diventare il Capitano del futuro. Se questa ‘profezia’ dovesse avverarsi e Locatelli dovesse effettivamente completare la carriera al Milan guadagnandosi la fascia della Prima Squadra, si conquisterebbe un altro paragone prestigioso con Paolo Maldini.Il Presidente Berlusconi poi stravede per lui e in una recente visita a Milanello si è intrattenuto con lui dicendogli queste parole: “Mi hanno parlato molto bene di te. Complimenti, ma sappi che noi ti vogliamo prima ottimo studente e bravo figliuolo e poi un calciatore di serie A”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy