Abate a Sky: “La Juventus arriva nel momento giusto”

Abate a Sky: “La Juventus arriva nel momento giusto”

Ignazio Abate, terzino del Milan, ha parlato del momento della squadra rossonera a 48 ore dalla trasferta contro la Juventus: le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Ignazio Abate, terzino e veterano del Milan, ha parlato del momento della squadra rossonera a 48 ore dalla trasferta contro la Juventus (clicca qui per tutte le news sul match in tempo reale). Queste le dichiarazioni di Abate ai microfoni di ‘Sky Sport‘:

Sul momento del Milan: “Succede che stiamo attraversando un momento di calo, forse fisiologico. Non dimentichiamoci che questa è una delle squadre con l’età media più bassa. Dopo il derby sono due-tre partite in cui non vengono i risultati, però non bisogna perdere le nostre certezze. Dobbiamo andare avanti con fiducia, mancano otto partite, che sono tantissime: può succedere di tutto e di più. Per il nostro obiettivo, che è il quarto posto, siamo primi: cercheremo, con le unghie e con i denti, di conquistare la Champions League”.

Su come fare per rialzare la testa: “Dobbiamo pensare a noi stessi, fare la corsa su noi stessi, ritrovarci, ritrovare i nostri principi, la nostra compattezza. Abbiamo un gruppo che lavora con grande serietà, con professionalità e sono sicuro che faremo un creane finale di stagione”.

Sui tanti infortuni: “Lo abbiamo visto in quei 2-3 mesi, forse abbiamo svoltato proprio in quei mesi. Questo grazie al nostro allenatore, che ha tolto qualsiasi alibi dalla nostra testa. Sono giocatori importantissimi, che conoscete meglio di me, ma c’è che gente che potrà sostituirli alla grande. Tutte le squadre hanno infortuni, anche pesanti. Non possiamo pensare a queste cose ad otto giornate dalla fine: c’è un obiettivo troppo importante da centrare e la nostra testa è solo su quello”.

Sul modulo del Milan a due punte: “Non è una questione di modulo che fa la differenza, lo abbiamo visto. Ad otto giornate dalla fine, bisogna cercare di mettere tutto quello che abbiamo in campo. La Champions League la conquista chi la desidera e chi la vuole di più. Otto giornate sono tantissime, ci sono tantissimi punti in palio: dobbiamo solo cercare di ritrovare tranquillità, fiducia, lavorare come stiamo facendo e concentrarci partita per partita. Poi sui moduli decide il mister, che è un grande allenatore, preparato, di volta in volta”.

Sulla Juventus: “Meglio incontrarla prima della Champions League? Peggio, perché, come dice il mister, prima di una partita importante quella precedente è sempre quella dove si vuole fare meglio. Sarà una partita difficilissima ma sono tutte difficili. La Juventus arriva nel momento giusto: ci sono dei problemi, dobbiamo migliorare ma metteremo in campo tutto quello che abbiamo anche a Torino, cercando di metterli in difficoltà”. Allo ‘Stadium‘, intanto, il Milan potrebbe scendere in campo con una formazione atipica: continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy