Milan, la sentenza è Gattuso

Milan, la sentenza è Gattuso

I tifosi si aggrappano a Gattuso, una delle poche certezze della squadra rossonera. Periodo di difficoltà, ma per Rino non è un problema: così dà il meglio.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

È un periodo davvero difficile per i tifosi del Milan, che sembrano davvero non trovare pace. I supporter rossoneri, infatti, da una parte devono preoccuparsi per la sentenza UEFA ormai in arrivo, seppur rimandata di continuo, con un’esclusione dalle coppe che diventa sempre più probabile; dall’altra seguono con attenzione la trattativa per la cessione del Milan da Yonghong Li a Rocco Commisso, vicina a una svolta. Poi c’è il campo. Manca ormai poco, scrive stamattina in edicola Tuttosport, al raduno. Il conto alla rovescia è iniziato: 13 giorni al 9 luglio. Per ora solo Pepe Reina e Ivan Strinic, aggiudicati a parametro zero mesi fa, sono le novità di Milanello. Per il resto non si è mosso nulla. Massimiliano Mirabelli non è in vacanza, ma finché non sarà chiara la sentenza della UEFA e finché non si capirà se la dirigenza resterà tale il Milan dovrà star fermo.

A causare questa paralisi, in realtà, sarebbe più la situazione societaria che non l’attesa per il verdetto UEFA. Il Milan, infatti, è ormai consapevole che difficilmente parteciperà alla prossima Europa League. Il che significa un danno da 20 milioni, più l’eventuale multa. Ma i rossoneri non sono impreparati: l’eventualità era già stata presa in esame ed era stato studiato un piano B per rinforzare in ogni caso la rosa.

Insomma, tutto potrebbe cambiare se il Milan passasse in mano a un nuovo proprietario. Tutto, tranne una cosa: Gennaro Gattuso. Il mister rossonero sembra essere l’unica certezza da cui poter ripartire e i tifosi si aggrappano a questa speranza, dopo che l’allenatore calabrese ha firmato il rinnovo di contratto fino al 2021 pochi mesi fa. Rino non è uno che si fa prendere dallo sconforto e non lo farà neanche stavolta se il giorno del raduno troverà le stesse facce dell’anno prima. In carriera si è trovato di fronte a situazioni ben più complicate e questo clima di incertezza non gli farà perdere motivazioni: Gattuso continuerà a vivere questo sogno al massimo. Commisso è calabrese come lui, ma se anche la trattativa dovesse saltare, Rino sarebbe la certezza a cui si aggrapperebbero i tifosi. Rino nelle difficoltà si esalta e dovrebbe farlo ancora, creando un gruppo che non badi a ciò che accade al di fuori di Milanello. I tifosi si fidano di lui e perciò Gattuso sa come gestire la situazione. Poi, però, gli acquisti in qualche modo dovranno arrivare.

In attacco soprattutto. Il centravanti è una priorità e a quanto pare la trattativa più probabile è quella per uno scambio di prestiti con il Monaco tra André Silva e Radamel Falcao. Così da non vendere il portoghese, provando a rilanciarlo e aggiudicandosi allo stesso tempo, a costo zero, un grande attaccante che possa garantire gol. Poi si cercherà una mezzala e infine un attaccante esterno. In questo reparto i nomi più probabili sono quelli di José Callejon e Samu Castillejo. Per il centrocampo, invece, altre possibili soluzioni a parametro zero: Marouane Fellaini, Milan Badelj e Max Meyer. Ma senza Europa potrebbe esserci anche una partenza eccellente…

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy