Lapadula, da Empoli all’Empoli

Lapadula, da Empoli all’Empoli

Dopo la doppietta segnata all’andata, la prima e finora unica in rossonero, l’attaccante del Milan, Gianluca Lapadula scalda i motori in vista della gara di domenica contro l’Empoli

Cinque reti in ventuno presenze, poche di queste da titolare. Il primo anno al Milan di Gianluca Lapadula non è stato sicuramente dei più semplici.

Arrivato lo scorso giugno per 9 milioni di euro con il titolo di capocannoniere della scorsa Serie B con la maglia del Pescara, il numero 9 rossonero era stato voluto a tutti i costi dall’allora presidente Silvio Berlusconi, intenzionato a rendere ancor più italiano il suo giocattolo milanista. Doveva partire Carlos Bacca, ma così poi non è stato.

Per questo motivo e per una condizione fisica tutt’altro che buona, inizialmente lo spazio in campo per il buon Gianluca è stato davvero poco. Prima presenza a metà ottobre contro il Chievo, primo gol il 6 novembre contro il Palermo ed una ruota che finalmente gira. Il CT Ventura si accorge di lui e lo convoca in Nazionale per l’amichevole con la Germania, ma da lì a poco arriva la conferma che Lapadula, in questo Milan ci può stare e anche bene. Si va ad Empoli, è il 26 novembre e Lapadula realizza la sua prima doppietta, sino ad ora unica, con la maglia del Milan, in una gara difficile ma che vede i rossoneri dilagare per 1-4 al Castellani. Sembra la svolta: nelle tre gare successive, Gianluca viene impiegato con continuità e riesce a segnare il gol decisivo anche contro il Crotone. Ma il ritorno in campo di Bacca, in precedenza fermo per infortunio, fanno ritornare il numero 9 rossonero indietro nelle gerarchie.

Montella vede Lapadula come alternativa al colombiano, e per il momento li schiera insieme soltanto in occasioni d’emergenza. Domenica arriva l’Empoli a San Siro ed un girone dopo, potrebbe scoccare di nuovo l’ora per l’ex bomber del Pescara. Lapadula infatti scalpita, nonostante tutto sembra indicare in Bacca il titolare anche contro i toscani. Gianluca però non demorde, nonostante tutto: il campo è il suo habitat naturale e il Milan gli è entrato dentro. Per questo l’Empoli è avvisato: Braveheart c’è e San Siro già lo ama. Gli ingredienti per una grande giornata ci sono tutti, Bacca permettendo.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Milan sui social – Lapadula e la foto dell’allenamento odierno

Lapadula e Locatelli: da idoli di San Siro a riserve di lusso

Milan-Empoli: la società chiama i tifosi a raccolta a San Siro

Verso Milan-Empoli: Kucka in diffida. Rientra Pasalic

Un gol che dà fiducia: Milan, ora testa a Empoli e Crotone

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy