La serenità porta risultati e un nuovo record: Donnarumma ora è al top

La serenità porta risultati e un nuovo record: Donnarumma ora è al top

Placatesi da mesi le voci sul rinnovo, Gigio Donnarumma è ora un leader di questo Milan e le prestazioni lo confermano: domenica in arrivo un nuovo record

di Luca Fazzini, @_lucafazzini

Spesso abbiamo ripercorso le tappe della (breve, ma nemmeno troppo) carriera di Gigio Donnarumma: quel 25 ottobre 2015 e l’esordio con il Sassuolo, quel 23 dicembre 2016 e la Supercoppa di Doha, ma anche quel 15 giugno 2017 e il mancato rinnovo (poi arrivato dopo un lavoro di mediazione tra Mirabelli, Fassone, la famiglia e Raiola). Inutile, dunque, ripetere i momenti chiave della parabola calcistica di Gigio. Anche se forse, spesso, vengono considerato scontati. Un numero, allora, può aiutare ad inquadrare quanto fatto sin qui da Donnarumma: domenica, nella sfida casalinga contro il Cagliari, l’estremo difensore di Castellammare di Stabia raggiungerà quota 150 presenze in Serie A, tutte con la maglia rossonera.

Numeri che fanno quasi impressione: nessuno, all’ombra di San Siro, era mai riuscito a far meglio. Nemmeno quel Paolo Maldini diventato poi bandiera e leader di presenze, e che ora osserva quotidianamente Gigio allenarsi a Milanello. Tre stagioni e mezza fatte di alti e bassi, di miracoli e critiche, di trofei e scivoloni, di costante esposizione mediatica. Eppure, nella maggior parte dei casi, Donnarumma ha parato anche quelle. E, ora che le acque si sono decisamente calmate, i risultati si vedono: cinque gol subiti nelle ultime dieci partite, altrettanti clean sheet e una serie di prestazioni da fenomeno, come quella di domenica all’Olimpico.

Tutto, dunque, sembra essere tornato alla normalità. Se di normalità si può parlare, quando in ballo c’è la carriera di un ragazzo normalmente al primo anno di università e invece alle prese con la 150° presenza in uno dei club più storici al mondo, nel ruolo più criticato e delicato. Domenica, San Siro è pronto a regalargli un’ovazione: la parola, poi, passerà come sempre (ed inevitabilmente) al campo. Intanto chapeau, Gigio.

E LA STATISTICA SU GIGIO, DOPO LA PRESTAZIONE DI ROMA, E’ IMPRESSIONANTE >>> CONTINUA A LEGGERE

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy