Gattuso si sente bravo e i numeri gli danno ragione

Gattuso si sente bravo e i numeri gli danno ragione

Gattuso spera nella riconferma in panchina anche grazie ad alcuni dati: da 6 anni il Milan non si giocava la Champions all’ultima.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

ULTIME MILAN – Mancano 90 minuti alla fine della stagione e il futuro del Milan è ancora da scrivere. I rossoneri sono al momento al quinto posto, che significa Europa League, ma con possibilità di Champions League ancora presente. Essere ancora lì a giocarsela con Inter, Atalanta e Roma è già però una bella novità. Il CorSport, infatti, fa notare come questo non accadesse da ormai 6 anni. Era la stagione 2012/13 e in panchina c’era Massimiliano Allegri. Grazie a una clamorosa rimonta, il Milan riuscì ad arrivare terzo, all’epoca ultimo piazzamento utile per la Champions. Vincenco contro il Siena all’ultima giornata, i rossoneri respinsero l’attacco della Fiorentina, quarta a 2 punti. Quel Milan fece 72 punti. Da allora nessuna qualificazione alla Champions e per tre anni di fila non è arrivato neanche in Europa League. Anche per quanto riguarda i punti, il miglior risultato è stato di 64, lo scorso anno. Quest’anno Gennaro Gattuso però ha già fatto meglio, con 65 a una giornata dalla fine. Champions o no fa certamente differenza e Rino potrebbe rimanere probabilmente solo nel primo caso, ma bisogna riconoscere i suoi meriti.

Domenica sera ha ammesso di voler restare, sente di aver migliorato la squadra. Di certo ci sono stati momenti di crisi, alcuni molto intensi, ma il Milan non è certamente una squadra con un gruppo in grado di affrontare un intero campionato ad altissimi livelli. Pecca in esperienza e personalità. I giocatori, comunque, hanno sempre seguito Gattuso. Questo non è un dettaglio da poco e potrebbe pesare nella scelta finale. L’ultima parola spetterà a Ivan Gazidis, che con Gattuso ha un buon rapporto. In caso di conferma, però, c’è da risolvere il dualismo con Leonardo. Averli di nuovo insieme potrebbe significare portare le stesse problematiche di questa annata. Inoltre il fatto che il brasiliano non abbia sostenuto a dovere Rino ha generato non poche perplessità sul suo operato. Insomma, alla fine ci dovrà essere una scelta: Gattuso o Leonardo. Tra l’altro, il nuovo allenatore sarebbe ancora da scegliere. Tantissimi i nomi accostati e nelle ultime ore si è aggiunto quello di Roberto De Zerbi, ora al Sassuolo che giocherà proprio contro l’Atalanta domenica. Sembra che abbia avuto contatti col mondo Milan.

Rino però si è dovuto sorbire anche le critiche di Silvio Berlusconi, ex presidente rossonero e ora proprietario del Monza, che non ha voluto esprimere un giudizio sull’operato di Ringhio. Quanto meno, Gattuso non è stato l’unico bersaglio di Berlusconi, che ne ha avute anche per le gestioni del mercato. La rosa, dice, non rispecchia la spesa. E allora, però, giocarsi la Champions all’ultima giornata non è poi così male…

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy