Gattuso, 18 mesi da tecnico del Milan: record di punti ma è mancata la ciliegina

Gattuso, 18 mesi da tecnico del Milan: record di punti ma è mancata la ciliegina

Ora è anche ufficiale, Gennaro Gattuso lascia il Milan dopo 18 mesi. Tanti punti, tanti infortunati, cuore, orgoglio, bel gioco a tratti ma è mancata la ciliegina Champions

di Donato Bulfon, @DonatoBulfon

ULTIME MILAN – Lo aveva detto nella sua ultima conferenza dopo il match contro la SPAL: “Sono stati 18 mesi ma per me sono stati 10 anni. Per questa maglia sento troppe responsabilità, sono a pezzi, è stata un po’ una tragedia”. Tra le righe si poteva chiaramente leggere quello che poi è successo: Gennaro Gattuso ha lasciato oggi il Milan in maniera consensuale, dimostrando un senso di responsabilità che soltanto un cuore rossonero poteva dare al ‘suo’ club. Diciotto mesi da allenatore dopo 13 anni da calciatore e leader non si dimenticano, anzi.

TANTI PUNTI MA TANTI INFORTUNATI – E’ indubbio che Gattuso sulla panchina del Milan ha fatto davvero un buon lavoro tra mille difficoltà. L’arrivo a stagione iniziata nel 2017, con un morale da ricostruire dopo il flop Montella e subito il pareggio rocambolesco di Benevento. Poi la ripresa, le belle gare in Coppa Italia, un inizio 2018 con una difesa quasi imperforabile, poi il calo primaverile con una finale persa contro la Juventus e l’Europa League di nuovo raggiunta. Ma questo è stato solo l’inizio: il terremoto estivo, con l’arrivo di Elliott a luglio e l’addio del mentore Mirabelli, avrebbe fatto vacillare chiunque, ma non Gattuso. E allora testa bassa e lavorare, con un buon inizio ma poi la grana Higuain e i tanti infortuni. Punti persi per strada ma poi, ad inizio 2019, la ripresa con tanto di terzo posto. Gattuso ha sempre detto di dover crescere, e forse questo lo ha dimostrato l’ennesimo calo primaverile e il calo a picco post-derby. Poi la ripresa, le vittorie consecutive, il record di punti dal 2013 ed il quinto posto: è mancata la ciliegina, sì, ma non si può rimproverare nulla a chi ha il sangue rossonero e ha sempre dato tutto come Rino. Prima l’AC Milan, prima la maglia. Prima anche di sé stessi. In questi casi l’uomo Gattuso ha insegnato molto, a tanti. Intanto, ecco le parole odierne di Mirabelli: continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy