Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

MILAN-EMPOLI

Milan-Empoli, Andreazzoli: “Maignan ha fatto una parata miracolosa”

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli (Getty Images)

Aurelio Andreazzoli, tecnico azzurro, ha parlato a 'Sky' al termine di Milan-Empoli, partita della 29^ giornata della Serie A 2021-2022

Enrico Ianuario

Aurelio Andreazzoli, tecnico azzurro, ha parlato ai microfoni di 'Sky Sport' al termine di Milan-Empoli, partita della 29^ giornata della Serie A 2021-2022. Queste le sue dichiarazioni.

Sulla prestazione dell'Empoli: "Non abbiamo scelto di essere passivi nel primo tempo. Volevamo essere noi stessi però a volte dipende anche dagli avversari. Io ho chiesto un po' più di precisione in uscita ai miei calciatori perché secondo me abbiamo mancato proprio in quel punto lì. Potevamo ripartire bene, fraseggiare. Nel primo tempo siamo stati fallosi. Abbiamo mollato le redini, nel secondo tempo siamo stati quelli che volevamo essere. Maignan? Necessitavamo di un portiere normale in quella situazione, invece ci ha fatto una parata miracolosa. Onore a lui".

Numeri in calo nelle ultime settimane: "Noi cerchiamo di interpretarla sempre alla stessa maniera. Ad onor del vero, meriterebbero di cogliere le occasioni. Però ci sono tante occasioni vicine al raggiungimento del pieno, invece non riusciamo a coglierlo. Credo che la strada sia questa, prima o poi, non ci faremo assillare dal problema dalla vittoria, il risultato arriverà".

Se c'è meno fame nella sua squadra: "Credo che hai risposto tu. Se tu hai visto le partite non puoi non avere avuto la sensazione che la squadra non avesse fame, lotta sempre fino alla fine. Io non ho mai avuto la sensazione che sia una squadra si tiri fuori dalla situazione. Domenica scorsa abbiamo tirato un punto non giocando alla nostra maniera. Se poi non fai quelle prestazioni esci fuori dal campo perdendo. Riceviamo complimenti per quello che facciamo. Noi non abbiamo un livello tecnico e di esperienza alto, se non facciamo il massimo non possiamo presentarci nemmeno in campo. Se ci presentiamo e lasciamo il segno significa che proponiamo qualcosa. Il comportamento dei ragazzi è eccellente".

Sul fatto di essere nonno: "Sono un nonno atipico. Sì, sono felice non solo di essere nonno, ma di tutto quello che la vita mi offre".

Le ultime notizie sul Milan anche su Google News: CLICCA QUI E SEGUICI

tutte le notizie di