Pagelle Torino-Milan: Conti e Musacchio, che errori. Romagnoli, ingenuità inammissibile

Altro ko per il Milan: i rossoneri cadono contro il Torino e vengono scavalcati proprio dai granata. Analisi, voti e giudizi della sfida di questa sera

di Luca Fazzini, @_lucafazzini

 LE PAGELLE 

Armando Izzo e Patrick Cutrone in Torino-Milan, Getty Images
Armando Izzo e Patrick Cutrone in Torino-Milan, Getty Images

Donnarumma 5.5 – Rischia nel primo tempo con un passaggio troppo sufficiente a Paquetá. Può far meglio in occasione del secondo gol e spesso è impreciso nelle uscite.

Conti 4.5 – Non spinge mai in fase offensiva, soffre tantissimo le folate di Berenguer e Ansaldi. Pessima la respinta in occasione del secondo gol (dal 69′ Castillejo 5.5 – Un colpo di testa e nient’altro).

Musacchio 5 – Bene nel primo tempo, poi soffre gli attaccanti granata e allontana la palla sui piedi di Berenguer, che ringrazia e sigla il 2-0.

Romagnoli 4.5 – Più che buona la prestazione difensiva, dove mette sempre una pezza con ottimi anticipi. Rovina tutto con un’espulsione ingenua e stupida che rischia di rovinare il finale di stagione. Inaccettabile da un capitano.

Rodriguez 5.5 – Soffre tanto i tagli da dietro di De Silvestri: da rivedere.

Kessié 5 – Non alza mai il ritmo: lento e sufficiente in troppe situazioni. Ingenuo nel fallo da rigore.

Bakayoko 6 – L’unico a salvarsi: solito ordine a centrocampo, sfiora il gol con due colpi di testa pericolosi. La traversa e un ottimo Sirigu gli dicono no.

Paquetá 5.5 – Lontano parente del Paquetá brillante visto in altre situazioni: nel primo tempo cerca la giocata, ma sbaglia molto. Poi, si spegne anche a causa di una condizione ancora non al top (dal 61′ Piatek 5.5 – Entra ma non si vede).

Suso 4.5 – Ci prova, ma è pericoloso solo con un tiro nel primo tempo. Poi, si traveste nuovamente da fantasma, sprecando un paio di contropiedi importanti. Ormai, sembra essere un problema (dal 61′ Borini 5.5 – Entra con voglia e determinazione, ma non cambia la partita).

Cutrone 6 – Parte molto bene, poi cala. Lotta molto, conquista diversi palloni e prova a farsi vedere, ma sbaglia tanto.

Calhanoglu 5 – Il solito Hakan: spento e poco pericoloso. Fatica a trovare lo specchio della porta, tranne quando è a tu per tu con Sirigu. Troppo timido.

VAI ALLA PROSSIMA SCHEDA PER IL GIUDIZIO SUL MISTER!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy