Vecchi: “Contro l’Estudiantes dovevamo fare attenzione alle dita”

Vecchi, portiere del Milan Campione del Mondo nel 1969, racconta la finale di ritorno alla Bombonera in occasione del cinquantesimo anniversario.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

ULTIME MILAN – Milanista dal 1967 al 1974 in campo e milanista dal 2001 al 2010 in panchina, Villiam Vecchi ci tiene subito a chiarirlo: “Certo che c’ero 50 anni fa alla Bombonera. Ci sono sempre stato in quasi tutti i trionfi internazionali del Milan, da Rotterdam a Madrid, da Manchester ad Atene, fino a Yokohama”. Quello della Bombonera nell’ottobre 1969, il calvario dell’Estudiantes, resta un trionfo mondiale nonostante tutto e nonostante tutti.

Il portiere emiliano dei rossoneri ha tanti ricordi da condividere: “Fin dalla partenza dall’Italia, Fabio Cudicini ed io venimmo avvisati. I portieri non devono tenere bloccato il pallone a terra, perché sappiamo già che arriveranno a schiacciarvi le dita delle mani con i loro tacchetti”. Non solo: “Appena siamo usciti dallo spogliatoio per entrare in campo dopo il riscaldamento, hanno spento le luci. Volevano intimidirci subito”.

Già nello spogliatoio, pallettoni di carta e acqua fredda contro i giocatori del Milan. Poi in campo: “Subito pallonate contro di noi, non appena ci siamo presentati sul terreno di gioco con la bandiera italiana”. Chiude con una battuta William Vecchi: “Il giorno dopo, il giardiniere della Bombonera sarà diventato ricchissimo con tutte le monete che ci hanno tirato…”.

Il resto è Storia: nell’intervallo, sul risultato di 2-1 a favore dell’Estudiantes sul Milan, il presidente Carraro e l’avvocato Sordillo avevano minacciato il presidente della Federcalcio argentina: “Noi ritiriamo la squadra”. Sono stati i giocatori a voler continuare: “Adesso lottiamo e ci facciamo rispettare anche noi, a questo punto vogliamo la Coppa”. Poi la vittoria, Gianni Rivera che per la rabbia butta a terra la coppa in spogliatoio. Ma Vecchi ricorda: “All’aeroporto siamo stati chiari, finché non arriva Combin noi non ce ne andiamo di qui”.

Fonte: App Ufficiale AC Milan

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy