Nuovo stadio, passi avanti: disponibilità dei club a giocare lontano da San Siro

Ieri si è svolta in video conferenza un nuovo incontro tra Milan, Inter e il Comune di Milano: si è parlato del nuovo stadio ma non solo

di Alessio Roccio, @Roccio92
Milan Genoa San Siro porte chiuse

NUOVO STADIO – Si è svolta ieri pomeriggio una nuova video conferenza tra Milan (Paolo Scaroni), Inter (Alessandro Antonello) e il Comune di Milano (assessori allo sport, al bilancio e alla urbanistica) per parlare del tema del nuovo stadio, ma non solo. Si è discusso, infatti, anche della possibilità – in caso di ripresa della stagione – di un possibile trasferimento delle squadre di Milano lontano da San Siro.

Una delle ipotesi al vaglio, come ha detto Gravina alcuni giorni fa, è quello di non far giocare il campionato nel nord Italia, specialmente in Lombardia, regione maggiormente colpita dall’emergenza Coronavirus. In quel caso qualsiasi soluzione verrà trovata dalle Federazioni e dalla Lega Calcio verrà accettata da Milan e Inter.

Si è poi parlato, come detto, del tema stadio. Sul tavolo la rifunzionalizzazione di San Siro, punto su cui sono stati fatti notevoli passi avanti. I club hanno dato ancora più dettagli sulla creazione della cittadella dello sport per tutti. Altro tema affrontato è stato quello delle cubature extra-stadio che il comune dovrà concedere. Su questo punto la posizione delle società è più rigida. Il progetto presentato a luglio prevede 180mila metri cubi di cubature e da lì non ci si smuove. L’investimento di oltre un miliardo potrà essere fondamentale per la ripresa della città dopo la crisi Coronavirus: anche per questo al Comune è arrivata la richiesta di restare nei tempi previsti dalla legge. Possibile un nuovo “incontro” nelle prossime settimane. Intanto, l’ex allenatore del Milan Terim ha parlato della stagione dei rossoneri>>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓


0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy